EGO Festival, i numeri confermano il successo a Taranto

Condividi

La cucina italiana declinata come prodotto culturale

E da Taranto parte la cozza plastic free

Circa quattromila persone in tre giorni. Questi i dati conclusivi delle presenze che hanno affollato gli spazi del Castello Aragonese di Taranto partecipando alle numerose attività di Ego Festival (16 – 18 febbraio).

Numeri importanti per la prima edizione tarantina che ha registrato un grande successo anche sui canali multimediali. Sono state 158mila le impressions rilevate dalla pagina Instagram del Festival per un totale di 3100 visite nella sola giornata di domenica, giorno in cui la manifestazione ha aperto i battenti. Altrettanto importanti le rilevazioni registrate su Facebook dove sono 57mila gli account raggiunti in maniera organica e per 6154 volte i video sono stati visualizzati per più di 3 secondi. La piattaforma web, il sito sul quale sono stati caricati tutti i contenuti, si è rilevato un luogo dinamico e operativo: le analisi statistiche del sito egofestival.it hanno registrato 24358 visitatori per un totale di 47441 letture. Il picco delle visite è stato domenica 16, giorno di apertura di EGO Festival, quando 2628 utenti hanno navigato tra le pagine del sito informativo.

Insomma un successo reale ma anche mediatico per quello che vuole attestarsi come un riferimento culturale per chi opera nel mondo della cucina. Nell’anno in cui si celebrano i 200 anni dalla nascita di Pellegrino Artusi, primo vero gourmet-trotter, la comunicazione nel food & beverage ha assunto un carattere sempre più strategico ed era inevitabile focalizzare l’attenzione sui cambiamenti in atto. Un tema a cuore per chi fa televisione, come il canale Food Network, terzo editore dopo RAI e Mediaset, che nella sua programmazione ha messo le persone al centro del racconto.  “Quando mi hanno parlato di Ego in Puglia, mi si è accesa la scintilla: le storie del cibo, ha detto Gesualdo Vercio direttore del Canale Food Netwok

durante il convegno di apertura – sono infinite. Ogni tanto mi chiedono se il cibo in TV si esaurirà, prima o poi. Quello che mi sento di dire è no: finché ci saranno persone a raccontarlo la narrazione sarà infinita”. Ma la cucina non è solo qualcosa per sfamare il corpo, ma ha ormai un linguaggio maturo per poter essere considerata arte a tutti gli effetti. È la teoria portata da Enrico Di Palma di Gourmet Concerto secondo cui “le arti tradizionali stanno sempre assumendo meno significato e forse quello spazio dato all’arte, di costruire senso intorno a q

ualcosa, lo sta prendendo la cucina”. Arte quindi bellezza. Come il video racconto presentato in anteprima mondiale da San Marzano vini che ha scelto di perseguire la bellezza scegliendo i contenuti a discapito della forma. “The pursuit of beauty”, il video racconto realizzato in Vietnam per conto della nota azienda vitivinicola tarantina narra una storia personale, professionale e aziendale con le tecniche del cinema per i social ma non con i tempi dei social. E anche il vino a Ego Festival è diventato un prodotto culturale.

Novità lanciata dal palco della kermesse, la Cozza Tarantina diventa plastic free. Durante il focus gastronomico sulla cozza, con ai fornelli gli chef Davide Guidara e Gianfranco Pascucci, il presidente della delegazione tarantina di Slow Food, Vincenzo Di Benedetto, ha mostrato una sperimentazione in atto nel Mar Piccolo dove, al posto della retina in plastica, si sta utilizzando quella in cotone.

Soddisfatti gli organizzatori. “Non speravamo in questa imponente risposta di pubblico interessato – commentano Monica Caradonna e Martino Ruggieri di Enogastro Hub. Siamo convinti che la scelta di portare il Festival a Taranto, che è ormai eletta a sede ufficiale di EGO, sia stata ponderata e azzeccata. Taranto riparte dalla sua identità e lo fa con il supporto del meglio della cucina italiana”.

Spenti i riflettori sull’edizione 2020, si inizia a programmare da subito il prossimo appuntamento. “Vogliamo che EGO resti a Taranto – ha commentato il sindaco della Città dei Due Mari Rinaldo Melucci – e lavoreremo perché questo festival possa mettere radici in riva allo Ionio.”


Condividi
Lilli D'amicis

Lilli D'amicis

Lilli D’Amicis - giornalista - Arcangela Chimenti D’Amicis, così risulta all’anagrafe di Grottaglie, dove è nata e dal 2010 risiede, dopo un’assenza di quasi 20 anni, ma tutti la conoscono come Lilli D’Amicis, giornalista senza peli sulla lingua, dal 1984 esercita una delle professioni più affascinanti, il giornalismo appunto, un’attività che principia come corrispondente al Corriere del giorno di Taranto, grazie al quale, nel 1986, ottiene l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti di Puglia e da allora comincia una fitta attività in giro per l’Italia, ricoprendo vari ruoli sempre nell’ambito della comunicazione giornalistica. Ha collaborato nei Tg di Videolevante di Taranto, Retepuglia, Trcb e Puglia Tv tutte emittenti del brindisino. A Puglia tv realizza il primo tg fatto dai bambini delle scuole elementari di Brindisi, un successo ed una novità che la portò a Sanremo, in una Convegno nazionale ACLI per parlare di questo singolare esperimento. Poi trasferitasi al nord, a La Spezia, ha iniziato a collaborare con l’emittente televisiva Astro tv ed Uno Tv, nella prima ha realizzato e condotto programmi di approfondimento giornalistico, nella seconda invece ha ricoperto l’incarico di capo redattore, redigendo e conducendo Tg e programmi di approfondimento. A Roma ha collaborato a Il Tempo, redazione cronaca e poi spettacoli. Tornata in Puglia a Brindisi, è entrata a far parte della redazione giornalistica di Ciccio Riccio fm, dove realizzava 7 radio notiziari al giorno, e contemporaneamente teneva due rubriche di spettacolo, sul Corriere del Giorno di Taranto, da lei ideate “Radioascoltando” e “Televisionando”. Nel 1997 fonda un giornale cittadino, il mensile di varia informazione, ZOOM, tutto a colori, formato poket, con una tiratura di 2000 copie, con vendite che hanno toccato le 1500 copie, naturalmente oltre ad editore era anche direttore. Zoom fu all’epoca il primo giornale cartaceo ad avere un sito internet: www.zoomonline.it. Nel 2001 è costretta a chiudere il suo amato Zoom, dove si sono formati alcuni ragazzi, oggi giornalisti locali di talento, la chiusura fu dovuta anche a un furto nella redazione che mise in ginocchio le già magre risorse finanziarie del giornale. Dal 1998 firma le testate giornalistiche dell’emittente radiofonica “Ciccio riccio” e “Disco box”. Dal 2006 è addetto stampa di un Senatore di Puglia e dal 2000 fornisce il servizio di uffici stampa politici. Nel marzo del 2011 fonda un nuovo giornale, ma questa volta è solo on line: www.oraquadra.info e dal 2004 ha un blog di successo: www.tuttoilresto-noia.blogspot.com , già nel titolo è una leggenda, firme di studiosi ed intellettuali locali contribuiscono alla redazione di questo blog che conta una media di 1200 visitatori al giorno. Ha conseguito la maturità scientifica e diploma magistrale, non è riuscita a laurearsi perché il suo tempo oltre che dal lavoro giornalistico è stato impiegato a crescere i suoi due meravigliosi figli, avuti in giovanissima età e ai quali non ha voluto mai far mancare l’affetto del padre, suo marito Oreste, ufficiale della Marina Militare in carriera, sempre in giro per il mondo e lei appresso a lui con Michela oggi giovane avvocato e Giovanni pilota di aerei e istruttore piloti di linea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *