“Cena quaresimale a pane e acqua”mercoledì 28 Febbraio nell’Auditorium S. Pio X di Taranto a cura di Movimento Shalom Onlus – Sezione Puglia

Condividi

Mercoledì 26 Febbraio 2020, nel giorno delle Sante Ceneri, il Movimento Shalom Onlus – Sezione Puglia invita soci, associazioni e cittadini, al di là del credo religioso, ad unirsi insieme per la consueta iniziativa quaresimale della CENA A PANE E ACQUA che si terrà alle ore 19.30 nell’Auditorium San Pio X in piazza S. Pio X in Taranto, dopo la S. Messa.

Alla Cena parteciperà anche quest’anno l’Arcivescovo Metropolita della Diocesi di Taranto, S.E. Mons. Filippo Santoro, che benedirà il pane e l’acqua condividendoli con chi vorrà unirsi all’agape in vicinanza ai poveri del Mondo. Il rito simbolico vuol ricordare l’importanza del valore della solidarietà nell’agire umano. Per una sera mangiare pane e acqua ci renderà più vicini ai dimenticati del mondo, che vivono 365 giorni di Quaresima.

Quest’anno, in particolare, la cena quaresimale sarà dedicata a pregare per la difficile situazione del Burkina Faso, che dal 2015 vive una gravissima crisi sociale a causa delle incursioni terroristiche degli estremisti islamici jihadisti a Nord ed Est del Paese.

In Burkina, fino a pochi anni fa patria della convivenza pacifica tra etnie e religioni diverse, si verificano attacchi terroristici ogni settimana, nella quasi indifferenza del mondo occidentale. Solo nell’ultimo attacco, avvenuto il 16 febbraio scorso durante la messa domenicale, sono morte 24 persone. Sembra che, dall’inizio dell’instabilità, le vittime siano già oltre 700 e alle porte della capitale Ouagadougou ci sono quasi un milione di profughi che scappano per sfuggire ai terroristi. Non hanno nulla, né un tetto per ripararsi e dormire, né cibo, perciò il Movimento Shalom Onlus, insieme alla locale Caritas, si sta adoperando da mesi per portare aiuti.

In passato la Cena quaresimale ha contribuito alla realizzazione a Koudougou di una Pediatria e a dotare l’adiacente Centro Maternità Shalom di un ecografo. Al momento la Sezione Puglia di Taranto del Movimento Shalom, tramite le suore locali referenti, è impegnata a realizzare un laboratorio di analisi, accanto alle due strutture sanitarie create dalla Onlus, per offrire alla popolazione cure più efficaci ed esami biologici. Durante la Cena chi vorrà potrà contribuire al sostegno del suddetto progetto.

Per partecipare alla realizzazione del Centro di Analisi, anche con una piccola donazione, le coordinate bancarie sono Banca Popolare di Puglia e BasilicataIban IT89Z0538515806000000064935, c/c intestato a Movimento Shalom Onlus, specificando in causale: contributo liberale centro analisi”.

Il Movimento Shalom è presente in Burkina da oltre 30 anni e mai come ora la popolazione e i bambini hanno bisogno del nostro impegno ed aiuto. Anche un piccolo contributo è importante per aiutarci a costruire la pace con la cooperazione internazionale e il sostegno a distanza.


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Lilli D'amicis

Lilli D'amicis

Lilli D’Amicis - giornalista - Arcangela Chimenti D’Amicis, così risulta all’anagrafe di Grottaglie, dove è nata e dal 2010 risiede, dopo un’assenza di quasi 20 anni, ma tutti la conoscono come Lilli D’Amicis, giornalista senza peli sulla lingua, dal 1984 esercita una delle professioni più affascinanti, il giornalismo appunto, un’attività che principia come corrispondente al Corriere del giorno di Taranto, grazie al quale, nel 1986, ottiene l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti di Puglia e da allora comincia una fitta attività in giro per l’Italia, ricoprendo vari ruoli sempre nell’ambito della comunicazione giornalistica. Ha collaborato nei Tg di Videolevante di Taranto, Retepuglia, Trcb e Puglia Tv tutte emittenti del brindisino. A Puglia tv realizza il primo tg fatto dai bambini delle scuole elementari di Brindisi, un successo ed una novità che la portò a Sanremo, in una Convegno nazionale ACLI per parlare di questo singolare esperimento. Poi trasferitasi al nord, a La Spezia, ha iniziato a collaborare con l’emittente televisiva Astro tv ed Uno Tv, nella prima ha realizzato e condotto programmi di approfondimento giornalistico, nella seconda invece ha ricoperto l’incarico di capo redattore, redigendo e conducendo Tg e programmi di approfondimento. A Roma ha collaborato a Il Tempo, redazione cronaca e poi spettacoli. Tornata in Puglia a Brindisi, è entrata a far parte della redazione giornalistica di Ciccio Riccio fm, dove realizzava 7 radio notiziari al giorno, e contemporaneamente teneva due rubriche di spettacolo, sul Corriere del Giorno di Taranto, da lei ideate “Radioascoltando” e “Televisionando”. Nel 1997 fonda un giornale cittadino, il mensile di varia informazione, ZOOM, tutto a colori, formato poket, con una tiratura di 2000 copie, con vendite che hanno toccato le 1500 copie, naturalmente oltre ad editore era anche direttore. Zoom fu all’epoca il primo giornale cartaceo ad avere un sito internet: www.zoomonline.it. Nel 2001 è costretta a chiudere il suo amato Zoom, dove si sono formati alcuni ragazzi, oggi giornalisti locali di talento, la chiusura fu dovuta anche a un furto nella redazione che mise in ginocchio le già magre risorse finanziarie del giornale. Dal 1998 firma le testate giornalistiche dell’emittente radiofonica “Ciccio riccio” e “Disco box”. Dal 2006 è addetto stampa di un Senatore di Puglia e dal 2000 fornisce il servizio di uffici stampa politici. Nel marzo del 2011 fonda un nuovo giornale, ma questa volta è solo on line: www.oraquadra.info e dal 2004 ha un blog di successo: www.tuttoilresto-noia.blogspot.com , già nel titolo è una leggenda, firme di studiosi ed intellettuali locali contribuiscono alla redazione di questo blog che conta una media di 1200 visitatori al giorno. Ha conseguito la maturità scientifica e diploma magistrale, non è riuscita a laurearsi perché il suo tempo oltre che dal lavoro giornalistico è stato impiegato a crescere i suoi due meravigliosi figli, avuti in giovanissima età e ai quali non ha voluto mai far mancare l’affetto del padre, suo marito Oreste, ufficiale della Marina Militare in carriera, sempre in giro per il mondo e lei appresso a lui con Michela oggi giovane avvocato e Giovanni pilota di aerei e istruttore piloti di linea.

Lascia un commento