Coronavirus, l’ultimo bollettino ufficiale della Protezione Civile: salgono a 528 i casi positivi

Condividi

Quattordici le vittime, 528 i positivi secondo l’ultimo bollettino ufficiale della Protezione civile, anche se le Regioni hanno fornito notizie di ulteriori contagi. Sono 42 le persone guarite. Ecco i dettagli sul caso Puglia e scuole.

Emiliano: “Su caso Taranto ‘corto circuito'”

Nel caso del 33enne di Torricella tornato in Puglia lunedì dopo essere stato a Codogno, e da ieri ricoverato al Moscati di Taranto per sospetta infezione da Coronavirus, “c’è stato un corto circuito” al momento del suo rientro. Lo ha sottolineato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, durante l’audizione in commissione Sanità del Consiglio regionale. “Da quello che ci risulta e che ha comunicato il paziente – ha spiegato Emiliano – lui era ospite di un parente in un comune fuori dalla zona rossa, poi è andato a Codogno a trovare la madre. Nessuno gli ha detto che non poteva muoversi, da quanto riferisce, quindi è tornato a casa in Puglia”. “Secondo quanto ha riferito – ha evidenziato Emiliano – il soggetto si è comportato diligentemente, perché quando è tornato ha chiesto al medico cosa doveva fare ed è rimasto a casa”. Il 33enne, secondo quanto riportato dal consigliere regionale e medico Giuseppe Turco, è rientrato lunedì scorso con un volo partito da Milano-Malpensa e atterrato a Brindisi. “Si stanno svolgendo controlli sulle persone che ha incrociato nel viaggio di ritorno secondo i protocolli”, ha precisato Emiliano.

Protezione civile: “42 guariti su 528 contagiati”

Sono 42 le persone risultate positive al coronavirus che sono poi guarite, secondo i dati comunicati oggi dalla Protezione civile, rispetto ai 528 contagiati complessivi. In Lombardia i guariti sono 37, 3 nel Lazio e 2 in Sicilia. 11.085 i tamponi effettuati per individuare i casi positivi al coronavirus.

Online sito riferimento per istituti scolastici

È online il sito di riferimento per gli istituti scolastici, le Università, le Istituzioni dell’Alta formazione Artistica, Musicale e Coreutica sul Coronavirus: le risposte alle domande più frequenti, gli atti, le norme, i link utili e le ultime notizie in costante aggiornamento. Il sito ufficiale è all’indirizzo del ministero dell’Istruzione.

Le assenze degli alunni nei periodi di sospensione “forzata” delle attività didattiche non saranno conteggiate ai fini della validità dell’anno scolastico. Allo stesso modo, l’anno scolastico è comunque valido, anche se non si dovesse raggiungere il minimo di 200 giorni previsti, in quanto si tratterebbe di una situazione dovuta a cause di forza maggiore. È quanto specifica la pagina informativa predisposta dal ministero dell’Istruzione per rispondere ai dubbi degli istituti scolastici. La pagina spiega inoltre che anche l’alternanza scuola lavoro, come i viaggi di istruzione, è stata sospesa fino al 15 marzo.

Ue ribadisce solidarietà a Italia

La Commissione europea ribadisce la sua solidarietà all’Italia e continua a lavorare su tutti i fronti per contenere il diffondersi del coronavirus. È quanto si legge in una nota pubblicata oggi da Bruxelles in cui si ricorda anche il “forte sostegno” agli sforzi intrapresi dall’Italia per fronteggiare l’emergenza espresso ieri dalla commissaria alla salute Stella Kyriakides in occasione della sua visita a Roma.

 

 

Condividi
Valentina D'Amuri

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento