AQP. Laricchia: “Emiliano che dice su quanto successo nel CdA con il suo pupillo De Sanctis?”

Condividi

“Non possiamo continuare a sapere dalla stampa le notizie che riguardano Acquedotto pugliese. Dalla Newco a quello che succede nel CdA non una comunicazione ufficiale ai consiglieri, nonostante una richiesta di audizione depositata da tempo. Dopo aver letto della trattativa tra AQP e l’ing. De Sanctis per la risoluzione anticipata del contratto, apprendiamo addirittura di un tentativo di spiare la riunione del CdA in cui si discuteva la sua buonuscita. La misura è ormai colma, mentre Emiliano dopo aver difeso strenuamente e immotivatamente il suo ‘pupillo’, si è chiuso nel silenzio per non ammettere di aver sbagliato”. Lo dichiara la consigliera del M5S Antonella Laricchia che torna a chiedere la calendarizzazione dell’audizione sulla Newco annunciata da AQP.

“Già tre anni fa – continua Laricchia – avevamo presentato un esposto alla Corte dei Conti sulle consulenze esterne di AQP e chiesto a Emiliano di avviare un’azione sociale di responsabilità nei confronti dell’allora Presidente e direttore generale dell’ente. Ovviamente ci era stato detto che andava tutto bene, peccato che poi De Sanctis sia stato prima di fatto commissariato, per arrivare ad una risoluzione anticipata del contratto, a questo punto non si sa se con o senza buonuscita alla luce degli ultimi avvenimenti. Nel frattempo secondo il management di AQP e i consiglieri regionali di destra e sinistra andava tutto bene e non c’era bisogno di alcuna commissione per fare chiarezza sugli investimenti e sulla gestione complessiva degli affari generali e gestionali dell’ente, come avevamo chiesto in una proposta di legge bocciata in Commissione. Ora attendiamo il sostituto di De Sanctis nel CdA sperando che almeno per una volta la nomina sia fatta per competenza e non per la prossima campagna elettorale. O che Emiliano non faccia come già fatto in passato: far dimettere l’intero CdA per poi nominare componenti di sua fiducia che restino in carica per i prossimi tre anni”.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento