Coronavirus, Protezione civile: “27 nuovi morti, le vittime salgono a 79, 160 i guariti, positivi attuali 2.263”

Condividi

“Sono 2.263 le persone contagiate da coronavirus, per l’88% in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Mille sono in isolamento domiciliare”. Lo ha detto il commissario straordinario, Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla Protezione civile ricordando che i decessi sono saliti a 79 (+27 rispetto a ieri). Sono 160 le persone guarite, +11 rispetto a ieri sera.

Il Laboratorio di riferimento regionale del Policlinico di Bari ha rilevato un nuovo caso positivo di COVID19 in Puglia.Si tratta della moglie del caso proveniente dalla Lombardia e attualmente ricoverato al Policlinico di Bari. La donna è in isolamento fiduciario domiciliare e attualmente in buone condizioni di salute. Il campione sarà inviato all’istituto superiore di sanità per il test di seconda istanza.

Nel Bergamasco, territorio che si sta valutando di far rientrare nella “zona rossa” per un’impennata di casi, una neonata è stata sottoposta al tampone che ha dato esito positivo: è la più piccola paziente per coronavirus. I primi casi si registrano in Sardegna e Basilicata. Chiuse le scuole anche nelle Marche dove i contagi sono arrivati a 60 con 2 decessi. Aumentano i Paesi che annullano o diminuiscono i voli da e per l’Italia.

L’epidemia di coronavirus sta diventando sempre più complessa. Il Covid-19 non è Sars, non è Mers e non è influenza. E’ un virus unico con caratteristiche uniche e per questo la crisi ‘non può essere risolta dall’organizzazione della sanità da sola o da un paese da solo, serve collaborazione e coordinamento globale’. Lo ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), durante la conferenza stampa di aggiornamento sull’epidemia di coronavirus Covid-19, ricordando che ‘sono stati varati protocolli su quello che deve essere fatto e incoraggiamo tutti i paesi ad attenersi’. Rispetto alla normale influenza, ha spiegato il numero uno dell’Oms, il coronavirus ‘è più grave’, perché a livello globale ‘circa il 3,4% dei contagiati è morto, mentre per l’influenza stagionale il tasso di mortalità è inferiore all’1%’, e, ‘mentre abbiamo vaccini per l’influenza, al momento per il Covid-19 non ci sono vaccini e terapie specifiche per la cura, anche se a livello globale oltre venti vaccini sono in fase di sviluppo’.

Il presidente del Consiglio ha convocato per domani i ministri per fare il punto sulle misure da inserire nel decreto per contrastare gli effetti del Coronavirus con il quale il governo sta pianificando di sforare il tetto del 3% nel rapporto deficit-Pil. L’appuntamento è alle 10 a Palazzo Chigi, e precederà, dunque, l’incontro con le parti sociali in programma sempre nella giornata di domani, alle 16. Le misure saranno inoltre al centro del doppio appuntamento di oggi, alle 18.30 con i capidelegazioni delle forze di maggioranza e, a seguire, alle 20.30 con i capigruppo di tutte le forze politiche.

 

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento