Tavolo Istituzionale Permanente: in Camera di commercio, questa mattina l’incontro con i Sindaci dell’area di crisi

Condividi

“Tre questioni da affrontare subito: governance, metodo di lavoro, priorità strategiche”

In preparazione della riunione del Tavolo Istituzionale Permanente per l’Area di Taranto, convocata presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per giovedì 5 marzo, si sono incontrati questa mattina nell’Ufficio di Presidenza della Camera di commercio di Taranto i Sindaci dei Comuni dell’area di crisi industriale complessa: Rinaldo Melucci, Francesco Andrioli, Luca Lopomo, Fabrizio Quarto e Vito Punzi.

Sulla base dell’addendum all’accordo di collaborazione per “Un nuovo modello di sviluppo”, sottoscritto il 25 novembre 2019 nella Cittadella delle imprese di Taranto, è stata ribadita la ferma volontà di contribuire efficacemente al superamento delle gravi problematiche del territorio tarantino ed alla costruzione delle sue prospettive di crescita, a partire dalla manifestazione unitaria e coesa delle istanze locali, anche con riguardo ai provvedimenti nazionali che possano generare impatti definitivi sul futuro sociale, economico, ambientale e sanitario dell’area.

In particolare, i Sindaci, insieme al Presidente della Camera di commercio, Luigi Sportelli, hanno ravvisato l’opportunità di addivenire alla elaborazione di una proposta unitaria focalizzata su tre questioni principali da affrontare immediatamente: la governance del Tavolo, il metodo di lavoro, la definizione delle priorità strategiche. In particolare, i Sindaci hanno sottolineato l’importanza che il Tavolo effettivamente operi assorbendo le funzioni di ogni altro tavolo tecnico comunque denominato su Taranto, come previsto dal DPCM istitutivo, e che, in virtù di tale assunto, sia quella la sede di discussione di un Accordo di programma sul settore siderurgico.

La proposta sarà consegnata al Presidente del Consiglio nell’occasione dell’insediamento del ricostituito TIP.

 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento