Grottaglie, Comparti C: esito dell’incontro tra Fratelli d’Italia e Italia in comune

Condividi

Nell’incontro tenutosi presso la sede di Italia in Comune, Fratelli d’Italia ha evidenziato che le recenti giravolte politiche di tale partito, relativamente alla questione del Comparto C, lo hanno pesantemente vincolato politicamente alla risoluzione del problema, che non è da considerare una questione qualsiasi, ma LA questione.

Per tale motivo, all’incontro è stato invitato anche il rag Ciro Alabrese del Comitato Critic, il quale ha evidenziato a tutti i presenti, tra cui Vito Rossini e la candidata avv. Antonella Galeone, che il problema potrebbe essere facilmente risolto intervenendo in sede di approvazione del bilancio, il cui termine è previsto per la fine di marzo, con proroga alla fine di aprile.

Malgrado questa facile soluzione messa sul tavolo dal rag Alabrese, Italia in Comune ha ribadito la necessità di approfondire la problematica da un punto di vista tecnico ed ha garantito la convocazione per questa settimana, od al massimo per la prossima, della Commissione Bilancio e della Commissione Assetto del Territorio in seduta congiunta.

Fratelli d’Italia ritiene che proseguire la strada di un approfondimento tecnico sia solo un modo per perdere tempo in attesa delle elezioni regionali, e consentire la eventuale elezione di una candidata, la cui candidatura è strettamente connessa a questa nuova armonia ripristinatasi repentinamente tra Italia in Comune e la attuale Amministrazione.

Questo non è tollerabile! Italia in Comune deve capire che non è possibile andare in Regione scavalcando i Comparti C, o peggio ancora, facendo campagna elettorale su tale questione.

Se al momento della dissociazione dalla maggioranza, ad Italia in Comune sarebbe bastata una campagna elettorale basata sulla onestà intellettuale e politica mostrata, oggi questo non è più possibile, oggi servono fatti concreti e risolutivi per permettere a questo pezzo di Amministrazione di ritrovare la propria credibilità nei confronti dell’elettorato.

Rispetto alle critiche mosse da Fratelli d’Italia, Italia in Comune ha teso la mano e noi abbiamo accettato l’invito con soluzioni concrete in mano, soluzioni che evidentemente Italia in Comune e gli altri compari di maggioranza non vogliono applicare.

Ripetiamo che, anche solo per una mera logica politica, sarebbe conveniente per questa Amministrazione scegliere la via della collaborazione, anche a fronte della esazione fiscale IMU, quasi annullata dalla valanga di sentenze tributarie favorevoli ai contribuenti.

Fratelli d’Italia ritiene comunque corretto sospendere ogni giudizio fino alla convocazione congiunta delle due Commissioni Consiliari, alle quali ci aspettiamo di vedere comparire il Sindaco in persona, l’Assessore ai Tributi, il Funzionario ai Tributi, la Responsabile al procedimento di esazione e l’avvocato del Comune di Grottaglie che sta curando il contenzioso. Fratelli d’Italia si aspetta di trovare in tale sede la manifestazione di una effettiva volontà politica di immediata risoluzione del problema IMU, ma data la natura meramente consuntiva di tali Commissioni, si rimane molto scettici sulla buona riuscita del progetto.

Questa è l’ultima possibilità di salvezza politica per questa Amministrazione in generale e per Italia in Comune in particolare.

La speranza è che così come Fratelli d’Italia, in quanto forza di opposizione, ha sospeso ogni giudizio per finalità collaborative, così Italia in Comune avrà il garbo di sospendere qualsiasi forma di campagna elettorale, fino alla effettiva soluzione del problema dei Comparti C.

A chiederlo non è Fratelli d’Italia, ma il buon gusto e gli elettori di Grottaglie. ( Ettore Mirelli – avvocato e responsabile della comunicazione Fratelli d’Italia)

 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento