Taranto, “Amici di Beppe Grillo”: esito tavolo incontro tra M5S di Taranto e Sindaco Rinaldo Melucci

Condividi

Quando una città parla con un’unica voce, può arrivare all’obiettivo.

Ne siamo sempre più convinti, soprattutto dopo aver sentito e letto le dichiarazioni provenienti dal tavolo dell’incontro tra portavoce del M5S di Taranto ed il Sindaco Rinaldo Melucci.

La voce a cui facciamo riferimento, ribadita a quel tavolo, è la necessità di avviare un accordo di programma che parli di chiusura dell’area a caldo dell’ex Ilva, di bonifiche, di reimpiego delle maestranze, di riconversione e di alternative lavorative,  una soluzione già perseguita nel 1998 per l’area a caldo dell’Ilva di Genova-Cornigliano.

Ci preme sottolineare che tale proposta, che sembrerebbe partorita pochi giorni fa dalle dichiarazioni del Sindaco di Taranto, è la logica prosecuzione di una posizione che noi attivisti del Meet Up abbiamo inserito nel programma del M5S Taranto nelle elezioni comunali del 2017, in cui si parlava di “accordo di programma per la progressiva chiusura delle fonti inquinanti”, che è stata ribadita in campagna elettorale nel 2018 dai parlamentari eletti nel M5S a Taranto, poi inserita nel Contratto di Governo del Conte I nel 2018,  e che è  stata oggetto di una mozione da parte dei consiglieri regionali del M5S nell’Ottobre del 2019 (link 1) e sostenuta dalla attuale candidata Presidente alle elezioni regionali pugliesi, Antonella Laricchia, e che noi attivisti di Taranto abbiamo perfezionato in un documento politico divulgato in una conferenza stampa nel Gennaio 2020 (link 2).

(1) http://www.pugliacinquestelle.it/2019/10/ex-ilva-dal-m5s-mozione-per-la-sottoscrizione-dellaccordo-di-programma-per-taranto-lobiettivo-e-la-riconversione-economica

(2)  https://beppegrillotaranto.wordpress.com/2020/01/05/documento-politico-situazione-presente-e-futura-di-taranto/

Siamo profondamente soddisfatti che i parlamentari e i portavoce locali del M5S stiano proseguendo la battaglia che da anni ci siamo impegnati a intraprendere per far rinascere la Città di Taranto, ma in questo frangente vogliamo sottolineare l’impegno che le massime istituzioni di Taranto stanno prendendo pubblicamente, ovvero di portare avanti la definizione e l’attuazione di quell’accordo di programma che vedrebbe finalmente tutti i soggetti interessati alla questione Ilva-Taranto sedersi ad un tavolo e scrivere i passi da compiere per la dismissione dell’area a caldo e la programmazione delle opere di riconversione.

A questo proposito condividiamo il comunicato congiunto dei nostri portavoce a 5 stelle, soprattutto nella parte  in cui desiderano che “per Taranto e per la Puglia, chiunque sia impegnato per la ricentralizzazione del territorio nel dibattito politico e sociale, a prescindere dalle personali appartenenze politiche e dal ruolo che riveste nel proprio quotidiano, debba perseguire gli stessi intendimenti.”

È sempre più che evidente ed ineluttabile che la situazione Ilva, ma ancora di più “il futuro economico di Taranto”, sia arrivata al punto di non ritorno per cui i soggetti coinvolti nella questione si prenderanno la responsabilità per ogni posizione, dichiarazione o iniziativa che assumeranno nei confronti di tutta la comunità tarantina e non solo.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento