La CGIL non chiude ma il servizio è “protetto”

Condividi

La CGIL di Taranto non chiuderà ma si atterrà puntualmente a quanto previsto nel DPCM del 4 marzo 2020 esteso ieri a tutte le regioni italiane.

Ottempereremo a quelle disposizioni che consideriamo utili e necessarie – afferma il segretario generale della CGIL di Taranto, Paolo Peluso – ma per continuare a stare accanto ai lavoratori e ai pensionati, chiediamo la collaborazione di tutti i cittadini che hanno bisogno dei nostri servizi. Lo facciamo nell’interesse comune e in modalità protetta. Protezione che riguarda il nostro personale che continua con grande abnegazione ad assistere e che riguarda gli utenti in generale che potrebbero propagare il contagio fino a giungere alle persone più vulnerabili, anziani e pazienti con patologie pregresse.

Il regime di protezione riguarderà tutte le sedi sindacali ma anche a tutta la rete dei servizi INCA e CAAF che già dallo scorso 9 marzo si sono dotati di strumenti di gestione del flusso dell’utenza per evitare code o sovraffollamento dentro gli uffici.

L’organizzazione sarà dunque solo per appuntamenti e saranno considerate prioritarie le seguenti pratiche: NASPI, Ds agricole, congedi parentali, maternità, pensioni, malattie professionali (solo casi urgenti), invalidità civile (accompagnamento, L. 104/92), reddito e pensione di cittadinanza e bonus asili nido per INCA, e ISEE, Successioni di morte, Red, ICRIC e Bonus per CAF.

Per le prenotazioni CAF il numero verde è l’800.218311. Per prenotazioni INCA occorrerà invece chiamare lo 099.7388352.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento