Bellavita: “Il protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro è una vergogna

Condividi

.Inaccessibili i parchi, ma le fabbriche continuano ad essere aperte. Migliaia di lavoratori continuano ad essere esposti al contagio.

“Aspettative mal riposte quelle di chi, come noi, sperava in ben altre decisioni, certamente più efficaci. Avevamo chiesto la sospensione di tutte le attività produttive. Il protocollo siglato tra Governo-Confindustra-CGIL,CISL, UIL non ferma la produzione. Questo per noi significa che le lavoratrici e i lavoratori sono considerati vittime sacrificabili”. Sergio Bellavita, coordinatore nazionale dell’Unione Sindacale di base, commenta così il documento prodotto dopo moltissime ore di confronto.
“Ci piacerebbe sapere come mai – prosegue Bellavita – le raccomandazioni sulla distanza di sicurezza e gli inviti a restare a casa non valgono per alcuni lavoratori. Con il principio scandaloso della deroga, nonostante la piena pandemia, si stabilisce che si può lavorare anche a distanze inferiori al metro, purché dotati di dispositivi di protezione senza specificare quali.
Prescrizione assurda perché è noto che solo il personale sanitario che opera nei reparti di Terapia Intensiva ha protezioni adeguate. A questo si aggiunge la mancanza di interventi di sanificazione preventiva dei locali prima di riaprire gli stessi ai lavoratori.
Non possiamo non rilevare che quel che il Governo dispone rappresenta poca cosa rispetto al necessario e rispetto anche a ciò che altre grandi aziende autonomamente hanno messo in campo per contenere i contagi: turnazione, riduzione orari a parità di salario…
L’Usb ritiene inaccettabile queste disposizioni e risponderà senza dubbio con la protesta e lo sciopero”.

Sergio Bellavita coordinatore nazionale USB

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento