COVID-19 e sicurezza sul lavoro, Zullo* (FDI): operatori denunciano direttive non univoche e mancanza di DPI

Condividi

“Nonostante la Puglia sia in l’emergenza COVID-19 da più di 15 giorni è chiaro che la gestione e l’organizzazione per il contrasto sono ancora molto deficitarie. Sono innumerevoli, infatti, le segnalazioni degli operatori delle nostre Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere e delle rispettive Sanitaservice che mi giungono circa la mancanza di direttive precise, univoche e non contraddittorie tra loro a seconda di chi le emana e dei tempi in cui sono emanate.

“Così come sono innumerevoli le segnalazioni che ricevo per mancanza di Dispositivi di Protezione Individuali (DPI), di assenza di segnalazioni di percorsi separati, di utilizzo promiscuo di spazi e attrezzature diagnostiche e di cura, fonte di pericolo non solo per gli operatori ma anche per utenti che, con le prescrizioni di urgenza o indifferibili oltre i 10 giorni, sono per lo più persone fragili e quindi più esposte al contagio, in quanto in follow-up per patologie tumorali, in terapie immunosoppressive o con pluripatologie croniche.

“Comprendo lo stato di emergenza ma uno sbando e una confusione di questo livello che regna tra gli operatori mi fa pensare che non stanno funzionando i Servizi di Igiene e Sicurezza sul Lavoro i quali, soprattutto in questa fase devono essere rafforzati. Non si possono emanare direttive riorganizzative di spazi, di utilizzo di attrezzature e allocative di pazienti con patologie da COVID-19 senza una preliminare valutazione del rischio, senza una pur minima informazione dei lavoratori e senza  dotazione di DPI. Continuare così significa esporre il sistema al collasso per conseguenti chiusure obbligatorie e conseguenti sanificazioni, ritardi di prestazioni, timori e ansie negli operatori e negli utenti e soprattutto per il possibile e facile venir meno di operatori sanitari.

“Il presidente-assessore alla Sanità, Michele Emiliano, si attivi immediatamente affinché le norme di igiene e sicurezza del lavoro recate dal Dec. Lgs. 81/2008 siano proprio in questi giorni rigorosamente attuate dai direttori generali delle Aziende Sanitarie e dagli amministratori delle Sanitaservice in qualità di datori di lavoro e dai rispettivi responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione”.

*capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo

 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento