Massimo Serio (Art.Uno Ta), scrive al Presidente Emiliano: urge riaprire gli Ospedali riconvertiti

Condividi

Caro Presidente,

Le scrivo in questo difficilissimo momento per tutti, consapevole degli enormi sforzi che Lei sta facendo per garantire al massimo la salute pubblica nella nostra regione.

L’emergenza epidemiologica causata della diffusione del Coronavirus,  purtroppo diventa sempre più grave e complicata. I numeri del contagio che crescono esponenzialmente di giorno in giorno allarmano i cittadini e ci portano a domandarci come le nostre strutture ospedaliere, già in affanno,possano affrontare tali numeri che purtroppo si sommerebbero ai ricoveri non differibili.

Riteniamo pertanto che debba essere messo in campo ogni utile iniziativa per garantire la salute di ciascun cittadino.

In tutt’Italia ci si sta attrezzando persino allestendo, presso strutture fieristiche, ospedali provvisori pronti ad accogliere gli eventuali e numerosi ricoveri da Covid-19.

Nella nostra regione si sta lavorando per potenziare le strutture sanitarie e i provvedimenti fin qui presi sono efficaci e apprezzabili.

La provincia di Taranto vive però già in condizioni ordinarie una criticità rilevante sul profilo sanitario, avvertendo il sottodimensionamento delle strutture rispetto alle richieste provenienti da una cittadinanza molto ampia.

Riteniamo indispensabile dunque che in provincia di Taranto si instauri un Polo per l’emergenza e si attrezzino adeguatamente le strutture per fronteggiare l’epidemia da Coronavirus,.

È il momento opportuno per la  riapertura delle strutture ospedaliere convertite!

Nella provincia jonica urge riaprire gli ospedali riconvertiti come il “San Marco” di Grottaglie, le strutture presenti come quelle di Mottola, Massafra.

Occorre  potenziare le strutture di eccellenza già attive, allestendo nuovi posti letto presso il “Moscati” di Taranto e consentendo la  piena attività e la massima accoglienza in questa difficile fase di gestione dell’epidemia di Covid-19.

Sappiamo in arrivo nuovi fondi dal Decreto legge Covid-19 , riteniamo che debbano essere prioritariamente utilizzati per le strutture sanitarie tarantine, per le ragioni di cui sopra: la città e l’intera provincia, che benissimo stanno rispondendo alle direttive emanate, hanno bisogno di una cura ed attenzione positiva ancor più efficace, per il sottodimensionamento ordinario delle strutture sanitarie ma anche per le contingenti esigente, sempre maggiori, dei cittadini.

 

Massimo Serio – Segretario provinciale Articolo Uno Taranto

 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento