Coronavirus, Perrini*: “Call-center e Arcelor Mittal, ancora poca sicurezza”

Condividi

La denuncia del *consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini

“Nei call-center non verrebbero rispettate le misure di sicurezza, mentre all’Arcelor Mittal continuerebbero ad arrivare tecnici dal Nord per lavori già programmati e che non sono stati rinviati. Sono queste due delle tante segnalazioni che mi vengono fatte in queste ore e alle quale provo a dare risposte cercando di attirare l’attenzione di chi è preposto alla sicurezza degli ambienti di lavoro in questo momento di emergenza coronavirus.
Quello che mi consta è che nonostante i decreti del premier Giuseppe Conte e le ordinanze del presidente Michele Emiliano alcuni datori di lavoro fanno continuare ad operare i loro dipendenti senza mascherine e in ambienti dove non può essere rispettata la misura di distanza anti-contagio. Non solo, ma questi professionisti che arrivano dal Nord chi assicura i lavoratori locali che non siano positivi?
Il contenimento del contagio in Puglia dovrebbe partire proprio da queste accortezze. Chi deve vigilare lo faccia al più presto”.


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento