Morgante*: “Puntellare la sanità tarantina rivedendo il Piano di riordino ospedaliero”

Condividi

“La drammatica emergenza determinata dal Covid-19 sta mettendo a durissima prova la sanità nazionale e regionale, costrette a risposte immediate per garantire la tenuta del sistema e scongiurarne il collasso. In quest’ottica, sono arrivate dal governo risorse straordinarie e soprattutto l’opportunità di nuove assunzioni e investimenti nell’immediato, in deroga ai rigidi parametri imposti dal DM n. 70/2015.
La provincia di Taranto al momento presenta un numero di contagi più contenuto rispetto ad altre, ma la presenza dello stabilimento ex Ilva (oggi Arcelor Mittal) e l’elevato numero di malati oncologici e con problemi alle vie respiratorie per via dell’inquinamento ambientale, la rende potenzialmente sovraesposta. Per questo, senza voler fare polemiche gratuite ma con spirito costruttivo e nell’interesse della comunità, chiedo al presidente Michele Emiliano se il drammatico momento non fornisca l’occasione per riorganizzare la sanità pubblica in provincia di Taranto, rivedendo il Piano di riordino ospedaliero che appare oggi inadatto e superato dagli eventi, attraverso la riapertura dell’ospedale San Marco di Grottaglie, importante riferimento per una vasta comunità, il salto del Giannuzzi di Manduria da ospedale di base a primo livello, il potenziamento delle strutture di Massafra e Mottola.
In un momento in cui tutti gli sforzi sono concentrati nella battaglia contro il coronavirus, ritengo importante anche riconsiderare l’intero contesto, alla luce degli spiragli apertisi e delle criticità latenti”.

*Nota del consigliere regionale Luigi Morgante

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento