Borraccino*: “RIAPRO”, ottima sinergia tra Regione e Politecnico di Bari

Condividi

È con grande soddisfazione che osserviamo come stia funzionando la proficua sinergia instaurata dall’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia con il Politecnico di Bari che si è concretizzata nella costituzione di un gruppo di lavoro (denominato “RIAPRO – *Riconversione aziendale per la produzione di dpi*”) che, in collaborazione con tutte le autorità competenti, sta fornendo utili e concrete indicazioni alle imprese del nostro sistema produttivo che intendono convertire la loro attività per realizzare dispositivi di protezione individuale, oltre ad apparati e componenti necessari per personale sanitario e popolazione, al fine di contrastare la diffusione dell’epidemia sul territorio.

Sono tantissime le  imprese che, in queste ore, stanno manifestando la loro volontà di produrre mascherine, tute, caschi protettivi, componenti per i ventilatori, e, grazie al supporto del Politecnico, stiamo mettendo a loro disposizione le conoscenze e le competenze di docenti, ricercatori e tecnici in grado di supportarle in questo significativo sforzo di riconversione produttiva che dimostra la grande vitalità e la grande vivacità delle nostre aziende, pronte, pur in un momento di enorme difficoltà, a raccogliere la sfida di modificare profondamente le loro linee produttive per fornire un supporto indispensabile alla Puglia e all’intero Paese nella realizzazione di presìdi fondamentali e affidabili per contrastare l’epidemia Covid-19.

A tal proposito sono disponibili sul sito del Politecnico di Bari le indicazioni tecniche circa la Procedura concordata con il Dipartimento della Protezione Civile per avviare la produzione delle mascherine filtranti (v01 25 marzo 2020),per quelle non chirurgiche e per gli indumenti protettivi.  Queste informazioni pratiche sono in continuo aggiornamento e saranno certamente supportate da aiuti concreti che come Regione Puglia stiamo prevedendo.

Stiamo lavorando, in stretto contatto con il Governo nazionale, altresì per semplificare e snellire tutte le procedure burocratiche e amministrative riguardanti ad esempio la certificazione dei dispositivi, al fine di consentire che lo sforzo che a più livelli si sta compiendo per potenziare la capacità produttiva dell’intero Paese di questi fondamentali strumenti, ottenga quanto prima i risultati auspicati.

Ringrazio, per questo, il Rettore del Politecnico, prof. Francesco Cupertino, per la straordinaria collaborazione che sta prestando in un momento in cui, tra l’altro, l’attività didattica e di ricerca delle Università prosegue, pur tra le molte, note, difficoltà e il Capo dipartimento dello Sviluppo Economico prof. Nico Laforgia per aver organizzato l’iniziativa.

In questo contesto un concreto e fondamentale contributo sta giungendo anche dalla società aerospaziale “Leonardo” che, presso il sito produttivo di Grottaglie, sta già producendo, utilizzando una innovativa tecnologia di stampa tridimensionale, valvole utili per modificare un particolare modello di maschere subacquee e trasformarle in respiratori per terapie sub-intensive.

E’questa la dimostrazione che l’innovazione e la tecnologia, sulle quali il Governo regionale ha investito decine di milioni di euro in questi anni, possono rappresentare una risposta utile anche in momenti di estrema difficoltà come quelli che stiamo attraversando.

La strada per uscire da questa crisi, probabilmente, sarà ancora lunga e tortuosa, ma la Regione Puglia continuerà a essere al fianco di lavoratori e imprese fino a quando questo incubo non ce lo saremo messi definitivamente alle spalle.

*Assessore allo Sviluppo Economico Regione Puglia

 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento