Research for innovation, approvate le graduatorie definitive

Condividi

“Abbiamo approvato la graduatoria definitiva della misura REFIN, volta a promuovere la ricerca e a potenziare l’istruzione postuniversitaria, nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria da Covid19. Si tratta di una straordinaria opportunità sia per tanti giovani ricercatori che avranno la possibilità di sviluppare una loro idea grazie a una ricerca finanziata dalla Regione Puglia, sia di un supporto tangibile agli Atenei pugliesi la cui possibilità di reclutamento è limitata da una serie di vincoli. Il livello delle proposte progettuali era ottimo, come emerge dai giudizi del nucleo di valutazione composto da esperti qualificati ed indipendenti, tanto che stiamo valutando di finanziare ulteriori progetti di ricerca tra quelli classificati nelle graduatorie. La Regione Puglia crede e investe nei suoi “cervelli”, ancora di più in questo preciso momento storico in cui emerge chiaramente la necessità di considerare la ricerca un perno basilare della società moderna su cui puntare e investire per un futuro migliore delle persone e del territorio e non un optional o una voce di spesa che grava solo sui conti pubblici”.

 

Con queste parole l’Assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro, Sebastiano Leo, ha commentato l’approvazione delle graduatorie definitive, divise per ciascun Ateneo pugliese partecipante, dei progetti di ricerca presentati nell’ambito dell’iniziativa “Research for Innovation” – REFIN (www.refin.regione.puglia.it). Dopo la verifica della sussistenza dei requisiti di ammissibilità, al momento sono stati ammessi n. 170 progetti di ricerca, di cui n. 89 dell’Università degli Studi “A. Moro” di Bari, n. 26 del Politecnico di Bari, n. 16 dell’Università degli Studi di Foggia, n. 35 dell’Università del Salento, n. 4 della LUM-Jean Monnet. Adesso si apre la successiva fase di REFIN, ovvero le Università pugliesi, beneficiare della misura, procederanno alle selezioni pubbliche tese ad individuare i ricercatori (RtdA) che svilupperanno i progetti selezionati nell’arco di un triennio.

 

Alla luce della pandemia globale appare importante il progetto REFIN che, in sinergia con la strategia Europa 2020, ha duplici obiettivi: rafforzare i collegamenti tra ricerca, alta formazione ed innovazione; investire nella ricerca, nei settori di potenziale interesse per la Regione, al fine di favorire lo sviluppo di competenze specifiche nell’ambito della ricerca scientifica ed innovativa; supportare le università pugliesi che  nell’ultimo decennio hanno visto diminuire significativamente il personale dedicato alla ricerca.

 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento