Patrizia Casarotti (AIL): chiediamo da subito la garanzia di cure per tutte le persone ammalate, che sia Covid-19 o leucemia

Condividi

A chiarimento di quanto si è verificato in questi giorni circa lo spostamento dell’ Ematologia di Taranto dal Moscati alla clinica D’ Amore, a nome degli ammalati ematologici e dei volontari ci tengo che si sappia ciò che è successo.

Tutti stiamo vivendo il dramma di questa pandemia che ci ha trovato impreparati, in termini psicologici e di interventi sanitari.

La nostra preoccupazione era soprattutto per i nostri pazienti ricoverati, immunodepressi e molto aggredibili. Ma la certezza della struttura sicura, sterile che li ospitava ci rassicurava, erano protetti e al sicuro.

Poi all’ improvviso la notizia del trasferimento in altra struttura, entro due giorni, per far posto agli ammalati di Covid-19. E` stata una scelta che ci ha trovato impreparati e sconcertati. Perché ci siamo chiesti. Non trovavamo nessuna ratio se non quella di avere un posto già pronto all’ accoglienza di ammalati impegnativi. E gli ammalati ematologici, gli ammalati in attesa di trapianto?

Adesso i riflettori sono accesi sugli ammalati di Covid-19 e a questa logica si deve rispondere, ma noi non possiamo sottostare a questa logica. In provincia di Taranto, precisamente a Mottola, c’ è un ospedale nuovo, grande, vuoto, inutilizzato.

Perché non utilizzarlo per gli ammalati di Covid-19? Perchè trasferire gli ammalati ematologici in una scatola vuota, senza rianimazione, senza cardiologia, senza camere sterili. E tutti i sacrifici fatti dagli operatori e dall’ AIL per ottenere l’ accreditamento e l’ autorizzazione a poter effettuare i trapianti, grazie a struttura e a procedure idonee che fine farà? E la sperimentazione col CAR-T (grande speranza per tanti ammalati ) che fine farà?

Questa scelta scellerata sta di fatto negando standard di cure adeguate.

Noi chiediamo da subito la garanzia di cure per tutte, tutte le persone ammalate, che sia Covid-19 o leucemia. Grazie.

Patrizia Casarotti

Presidente AIL sez. di Taranto

 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento