Nuovi Farmaci e Corona Virus di Massimiliano Cinque

Condividi

La ricerca per una cura è frenetica, continua ed estesa in tutti i laboratori del mondo. Un’articolo pubblicato nelle ultime ore sulla rivista Antiviral Research, condotto dal Biomedicine Discovery Istitute presso l’Università Monash di Melbourne, dimostra l’attività di un farmaco antielmintico (vermicida) su colture cellulari di Covid-19. Il principio attivo in questione è l’Ivermectina, una molecola largamente utilizzata per combattere infezioni come il virus del Nilo Occidentale, l’encefalite equina del Venezuela o su casi importanti di influenza. Il meccanismo d’azione è abbastanza complesso e pertanto non ne parlo, ma per chi volesse potrebbe aprire il link. I ricercatori hanno testato il farmaco su differenti colture cellulari infette da coronavirus, pertanto parliamo di studi in vitro, facendo dei raffronti con colture non infette. Sono arrivati alla conclusione che la carica virale (cioè l’espressione del RNA virale) in 48h è diminuita del 99,98%. Ora si passerà alla fase fondamentale, ovvero il test sull’uomo. C’è da dire che, come viene sottolineato nell’articolo, anche i test in vitro sul virus Zika erano stati positivi salvo poi non avere nessun effetto sull’uomo. Ma lo studio non si ferma qui, i ricercatori faranno studi comparativi con altri farmaci con medesimo meccanismo d’azione per valutarne l’efficacia. In definitiva, i ricercatori sostengono che: “lo sviluppo di un efficace antivirale per SARS-CoV-2, se somministrato a pazienti nelle prime fasi dell’infezione, potrebbe aiutare a limitare la carica virale, prevenire la progressione della malattia grave e limitare la trasmissione persona-persona”.

Ora non resta che testare il farmaco, già autorizzato dalle varie Agenzie regolatorie, sperando che gli effetti siano positivi.

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0166354220302011?fbclid=IwAR0jAg7ckbTlT8X0Qqjm1NhuGJjDtfNJ-HFwFb1sUFLwgHkco-mVQX-Cmm8

Massimiliano Cinque – Tecnico scientifico AIFA

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento