Ospedale San Pio. Galante: “La Asl faccia chiarezza. Il presidio è chiuso o aperto?”

Condividi

La Asl di Taranto deve dare agli utenti informazioni precise. Non è possibile che si navighi a vista. Per quanto riguarda l’ospedale San Pio ad esempio i cittadini addirittura non sanno se sia chiuso o aperto dopo i numerosi casi positivi al Covid -19. La Asl non fornisce comunicazioni precise, alimentando così passaparola. La struttura è stata sanificata? Sono arrivati i risultati di tutti i tamponi effettuati agli operatori sanitari? Emiliano ha accentrato tutta la comunicazione e il risultato è che il personale sanitario e i cittadini non hanno più notizie. Non sappiamo niente sul destino del nosocomio di primo livello. Non vorremmo che la situazione di emergenza dovuta al coronavirus possa diventare una scusa per chiudere definitivamente il presidio, cosa che i vertici della Asl e i politici stanno cercando di fare da anni e contro cui ci stiamo battendo assieme ai cittadini”. Lo dichiara il consigliere regionale del M5S Marco Galante chiedendo alla Asl certezze sul futuro dell’ospedale San Pio.
“Oggi addirittura – continua il pentastellato – i pazienti che normalmente effettuano la dialisi a Castellaneta hanno trovato il reparto chiuso, senza che nessuno dalla Asl li avesse avvisati per tempo. Parliamo di una terapia salvavita, per cui servono comunicazioni chiare e fatte per tempo. Per questo chiediamo alla Asl in questo periodo di emergenza di implementare la comunicazione istituzionale. Non è possibile che i cittadini segnalino a noi consiglieri regionali le problematiche perché non sanno a chi rivolgersi per avere notizie ed evidenziare criticità come quella sull’assistenza al Moscati dopo il pre triage. Il piano per gestire l’emergenza Covid -19 non può riguardare soltanto il riordino ospedaliero, ma deve riguardare la sanità nel suo complesso, deve avere una pianificazione: prevenzione e corretta informazione sono aspetti fondamentali.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento