Melucci: “Positivo il confronto con la Regione Puglia, ma per la sanità tarantina ora servono misure forti.”

Condividi

ll Sindaco Rinaldo Melucci ha partecipato stamane alla videoconferenza organizzata dall’Asl di Taranto con gli amministratori della Provincia ionica ed il Governatore Michele Emiliano, per fare il punto con la struttura regionale sull’andamento e le criticità della gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.
Nell’intervento del primo cittadino del capoluogo c’è stato spazio per la richiesta di un impegno fermo circa una rapida ricollocazione nella sua sede originale dell’oncologia, per un invito a valutare presto l’applicazione del cosiddetto metodo Piacenza, per un sistema di terapie a domicilio, infine per la preoccupazione che il vigente piano ospedaliero regionale abbia reso molto fragile il sistema della Provincia di Taranto e meriti ormai una sostanziale revisione, nell’ipotesi del carico sanitario che già i cittadini sopportano per la presenza industriale e anche nell’ipotesi che l’epidemia da coronavirus possa in futuro ripresentarsi.
“Registro buona volontà e attenzione da parte della Regione Puglia – ha riferito al termine dell’incontro il Sindaco di Taranto -. È stato utile fare chiarezza di tante scelte e dell’orientamento regionali, oltre che ricevere apprezzamento per il lavoro degli amministratori locali. Ma ora è il momento di ridisegnare pesantemente la sanità tarantina, senza ulteriori tentennamenti o alibi. In questo senso, valuteremo con spirito costruttivo le nuove norme regionali che sembrano mitigare gli effetti del DM 70 del 02/04/2015.
Per l’emergenza attuale, concretamente, abbiamo proposto al Presidente Emiliano di restare sulla linea del rigore e di sposare lo schema delle nostre ordinanze locali, per esempio sui divieti per il fine settimana pasquale. I bassi numeri di contagio a Taranto non possono essere solo un caso, non dobbiamo allentare la presa proprio adesso.”

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento