Regione Puglia acquisisce macchinari e reagenti per aumentare i tamponi

Condividi

Emiliano: “Instancabile lavoro per difendere meglio i pugliesi”

“Grazie ad un instancabile lavoro teso alla ricerca sul mercato di macchinari e reagenti che servono ad aumentare la nostra capacità di analizzare i tamponi, siamo riusciti ad acquisire ciò che serve a difendere meglio i pugliesi. I tamponi ad oggi costituiscono l’unico mezzo per avere certezze in margine alla reale positività delle persone al coronavirus. Grazie ai nuovi macchinari e reagenti potremmo riuscire a raddoppiare la nostra capacità di fare analisi”.

Lo comunica il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano insieme al direttore del Dipartimento Politiche della Salute, Vito Montanaro e al dirigente della sezione Protezione civile, Mario Lerario: la Regione ha acquisito infatti una serie di macchinari per rinforzare i laboratori di analisi impegnati nella ricerca del virus Covid-19 nei tamponi.

I macchinari sono in totale 12 e sono stati acquistati dalla Sezione Protezione Civile, a disposizione del servizio sanitario regionale e potrebbero aumentare la capacità del sistema regionale di effettuare analisi del 50% circa. Trattative sono in corso per l’acquisizione di altri dispositivi di tipo diverso, al fine di implementare ulteriormente la capacità dei laboratori pugliesi.

I macchinari sono di due tipi diversi:

10 sono della ditta “Shenzen Tecnology”, con reagenti della “Sosepharma”, sono di tipo PCR che amplificano il materiale raccolto nei tamponi ai fini delle analisi.

2 sono della ditta “Menarini-Masmec” che estraggono il materiale genetico.

Per questi ultimi il contratto è già stato siglato e le consegne inizieranno dalla prossima settimana.

I macchinari saranno distribuiti nei laboratori pugliesi accreditati dall’ISS.

 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento