Mennea*: “I sindaci prendano esempio da Trani e trattino i rifiuti Covid separatamente”

Condividi

“Sono felice che ci sia un sindaco, quello di Trani, che si è assunto la responsabilità di trattare in maniera separata i rifiuti prodotti da persone positive al Covid-19, in isolamento sorvegliato o comunque in quarantena. In questa maniera, si garantisce la tutela degli operatori ecologici, senza minare il diritto alla privacy degli utenti, che è sacrosanto per tutte le questioni che riguardano la salute. Spero che gli altri sindaci di Puglia, che non hanno ancora provveduto in tal senso, prendano esempio da Amedeo Bottaro e, finalmente, rispondano a un’esigenza di tutela della salute di tutti”. Lo dichiara il *consigliere regionale Pd, Ruggiero Mennea, ritornando sulla questione del trattamento dei rifiuti prodotti da soggetti positivi al Covid perché al momento la raccolta dei rifiuti nelle città non prevede una differenziazione per l’immondizia prodotta da soggetti positivi al Coronavirus o, comunque, in quarantena.

“Sulla questione – prosegue – ha fatto diversi appelli l’amministratore unico della Barsa di Barletta, Michele Cianci, sottolineando i rischi ai quali vanno incontro gli operatori ecologici che raccolgono i rifiuti delle utenze domestiche e non, senza sapere di chi siano. I sindaci, in quanto responsabili in prima persona della salute dei loro cittadini, hanno il potere di intervenire sulla raccolta dei rifiuti, indipendentemente dal fatto che sia effettuata da aziende a capitale pubblico (magari controllate in toto o in parte dagli stessi Comuni) o da aziende appaltatrici. Sono sempre i primi cittadini a ricevere dalle prefetture, entro la serata, l’elenco delle persone positive o comunque in quarantena a scopo preventivo. In questo modo, al domicilio è possibile mandare gli operatori muniti dei necessari dpi, possibilmente in orari di minor afflusso per evitare di creare disagi alle persone in isolamento o in quarantena. La procedura non è complessa, va però messa in atto e anche subito, se si vuole evitare un altro problema sanitario. Invito perciò – conclude – i primi cittadini a prendere esempio dal sindaco Bottaro, che ha risolto il problema da solo, per il bene di tutti. Malati e non”.

 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento