Ok dal Senato alla possibilità di spostamento per raggiungere i terreni per interventi anti-Xylella ed antincendio

Condividi

Rappresentano certamente un significativo passo in avanti le norme approvate nelle scorse ore, in Senato, in sede di conversione del Decreto Legge “Cura Italia” (D.L. 17 marzo 2020, n. 18), finalizzate a consentire specifiche attività agricole anche da soggetti non professionali.
Un emendamento (prima firmataria, la senatrice pugliese Daniela Donno) all’art. 105 del Decreto, infatti, consentirà (una volta che la legge di conversione sarà approvata in via definitiva dopo il passaggio alla Camera dei Deputati) ai proprietari, conduttori o detentori a qualsiasi titolo di fondi agricoli, di spostarsi dalle rispettive abitazioni per raggiungere i propri terreni, in modo da effettuare trattamenti fitosanitari indispensabili nel contrasto alla Xylella o tutti gli altri interventi di manutenzione necessari al fine di evitare il rischio di incendi derivante dalla mancata cura dei terreni.
Tali attività vengono espressamente qualificate come “di assoluta urgenza” ai sensi di quanto previsto dai Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di limitazione alla circolazione delle persone, consentendo, così, una deroga rispetto al divieto di spostamento.
Esprimo pertanto la mia soddisfazione per il recepimento, in sede parlamentare, di una esigenza fortemente avvertita sul nostro territorio ed evidenziata, nei giorni scorsi, dal Presidente Michele Emiliano e dal Dipartimento “Agricoltura, Sviluppo Rurale e Ambientale” della Regione Puglia, oltre che dal sottoscritto, dal Presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, e da altri colleghi consiglieri.
Certo, la formulazione della norma approvata in Senato può destare qualche perplessità nella misura in cui, in modo un po’ ambiguo, sembra consentire solo gli spostamenti tra comuni diversi. Mi auguro che già nel corso del suo esame alla Camera e poi in sede applicativa sia fornita espressamente una lettura coordinata delle disposizioni adottate sinora, peraltro improntata a criteri di ragionevolezza e parità di trattamento, nel senso di ritenere ovviamente consentiti gli spostamenti per raggiungere i propri terreni anche all’interno del territorio di un stesso comune e non solo quelli verso comuni diversi da quello in cui ci si trova.
Sono soddisfatto, pertanto, per il risultato raggiunto e auspico, con i chiarimenti a cui accennavo, una rapida approvazione della norma alla Camera in modo da risolvere un problema che in tanti, in queste ore, stanno avvertendo e segnalando.

Nota del consigliere regionale Enzo Colonna

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento