IMU Comparti C: lettera aperta di Ettore Mirelli al Consiglio comunale di Grottaglie

Condividi

Cari Consiglieri comunali di Grottaglie, sia di maggioranza che di opposizione, voi, nella vostra qualità potete fare la differenza in merito a questo orrore tipicamente grottagliese che si sta consumando sulla pelle di ben cento famiglie di nostri concittadini, proprietari di un terreno agricolo ricadente nei Comaparti C.
Il problema è talmente grave da valicare i limiti della appartenenza politica e partitica, sconfinando nell’ambito dell’etica e della necessaria trasversalità della risposta politica da dare, volta a ricondurre a giustizia una situazione nei confronti della quale a nulla sono valse la denuncia sociale, le interrogazioni parlamentari, le proposte di legge e la richiesta di aiuto al Governo nella persona del Prefetto di Taranto.
La richiesta che Grottaglie vi rivolge è di chiedere una modifica delle tabelle riguardanti il valore a fini fiscali dei terreni agricoli dei Comparti C, o quanto meno una elevazione dello “sconto” fino alla percentuale del 75 % di tale valore in sede applicativa, in modo da rendere operante la stima effettuata dalla Agenzia delle Entrate – Ufficio del Territorio- così come sancito dalla giurisprudenza tributaria di primo e secondo grado e della Suprema Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi su questa vicenda.
La Amministrazione comunale deve capire che o viene incontro alle legittime aspettative della cittadinanza o se ne deve andare a casa, ed ora questo risultato è concretamente perseguibile per via politica, attraverso le facoltà di emendamento e il voto di approvazione del Bilancio di Previsione richiesto al Consiglio comunale, organo democratico rappresentativo della cittadinanza tutta e del sacro valore di giustizia sociale e tributaria che deve essere realizzato in nome del Popolo e nell’esercizio del mandato politico a voi conferito.
Qui non siamo in presenza di ordinaria amministrazione burocratica, nè di un pretesto politico per consentire la caduta di una maggioranza di governo cittadino, qui siamo di fronte ad una battaglia di civiltà in cui, come raramente avviene al giorno d’oggi, etica e politica coincidono.
Fate tutto quanto in vostro potere per risolvere il problema, con la consapevolezza che quanti di voi non riterranno di sposare questa battaglia, ne dovranno rendere pesantemente conto alla cittadinanza nelle future sedi elettorali.
Scrivo questa lettera aperta a titolo personale per sottolineare il carattere apolitico e apartitico della necessità di intervenire tutti insieme, in modo coeso, per il bene di Grottaglie e della sua cittadinanza.
Nelle trame della politica ci stiamo già muovendo, ma sarebbe opportuno che ognuno di voi, dichiari pubblicamente, già da ora, la propria intenzione di voto in merito alla approvazione di questo bilancio che è macchiato dal sangue e dal sudore di molti grottagliesi.
Confidando nel vostro senso di giustizia e nella vostra operosità politica, vi saluto cordialmente.

Ettore Mirelli

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento