Assegni di cura. Trevisi (M5S) a Ruggeri: “A fine legislatura ci saremmo aspettati qualcosa di più di rassicurazioni e buone intenzioni”

Condividi

“L’assessore Ruggeri assicura il massimo impegno sugli assegni di cura? Arrivati a fine legislatura ci saremmo aspettati sinceramente qualcosa in più delle buone intenzioni. Anzi, più di noi se lo sarebbero aspettato le famiglie dei disabili gravissimi pugliesi, a cui ci auguriamo l’assessore prospetti soluzioni concrete. Il tempo delle rassicurazioni a cui non segue niente di concreto ormai è finito”. Risponde così il consigliere del M5S Antonio Trevisi all’assessore al Welfare Ruggeri.

“A quanto pare l’assessore ha anche la memoria corta – continua Trevisi – dal momento che abbiamo sempre mostrato massima attenzione al tema, ascoltando le famiglie dei disabili gravissimi e raccogliendo purtroppo segnalazioni di persone disperate perché non riescono ad andare avanti e questo ben prima dell’emergenza attuale. Abbiamo proposto la diversa utilizzazione delle risorse impegnate nel sostegno ai disabili, con la rivisitazione del sistema di assegnazione e  la creazione del budget della salute che permetterebbe ai beneficiari anche di scegliere più liberamente a chi rivolgersi per l’assistenza sanitaria. Senza contare poi che andrebbero meglio utilizzate le risorse  rivenienti dai fondi comunitari. Così come abbiamo fatto proposte concrete per risolvere altre emergenze su cui la Regione ha continuato a dormire: da quella sull’economia circolare per trasformare il rifiuto in risorsa a quella sulla moneta complementare che oggi avrebbe aiutato i nostri commercianti. Ma come sempre la Giunta ha pensato più ai giochi politici che ad approvare provvedimenti per i pugliesi. A prescindere da questo non sono in alcun modo giustificabili il blocco nell’erogazione degli assegni, le continue proroghe e i ritardi per cui 4000 potenziali beneficiari sono ancora senza alcun sostegno”.

 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento