Covid-19, l’appello di Longo a Governo e aziende: “La Puglia riparta dal turismo”

Condividi

“Arte, cultura, gastronomia unite a un mare caraibico e ad una natura unica: sono queste le doti per ripartire, assicurando la sicurezza sanitaria, per la Puglia post Covid-19, puntando e incentivando l’immediato rilancio del turismo, non solo estivo”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale, Peppino Longo elogia l’iniziativa di un’aziende barese che, grazie a un protocollo d’intesa con Assohotel Puglia Confesercenti, ha scelto la propria regione per le vacanze dei dipendenti delle sedi sparse su tutto il territorio nazionale. “Un’occasione per chiedere a tutti i pugliesi di scegliere la propria regione per le imminenti vacanze estive”.

“Un’asse che – spiega Longo – dovrebbe e potrebbe coinvolgere anche altre imprese nazionali, approfittando dello straordinario patrimonio naturalistico e artistico italiano.” Da qui l’appello al governo affinché gli incentivi economici annunciati nel dl Aprile – si parla di bonus fino a 500 euro a famiglia – siano non solo confermati ma rafforzati ulteriormente, a tutela di un settore fondamentale per l’economia italiana, del Sud e della Puglia in particolare che mai come in quest’estate subirà una pesante flessione, viste anche tutte le incognite legate al distanziamento sociale. Con questa malattia occorre grande prudenza, ma è bene lavorare fin da subito affinché la ripartenza auspicabile possa essere programmata nei minimi dettagli, sia per quanto riguarda la tutela della salute dei pugliesi, sia per la necessaria ripresa delle attività economiche. Il turismo rappresenta da solo una grande fetta delle attività in grado di produrre Pil – continua Longo – e sono quindi convinto che la Puglia debba riaprire da questo settore, studiando anche caso per caso, se possibile, tutte quella misure di sicurezza atte a contenere il contagio. Ripeto, poche regole ma certe e rigorosamente da rispettare, o nel caso da far rispettare”, sottolinea Longo.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento