L’inno alla vita degli studenti della Pirandello

Condividi

“Un video fatto con semplicità ma con tanto impegno”, la dirigente dell’Istituto comprensivo “L. Pirandello”  di Taranto commenta così un nuovo lavoro realizzato dai giovani studenti della scuola in questo periodo di clausura forzata e di didattica a distanza. Perché la famosa DAD non è solo compiti e videolezioni, ma è anche un momento in
cui la creatività sta prendendo la meglio. Ci sono tanti sacrifici da parte di docenti, famiglie e studenti. I docenti passano tante ore a cercare ciò che può tenere sveglie le menti dei giovani, i loro interessi.  Non vogliono essere solo uno schermo da sorbire passivamente, vogliono continuare a mantenere il loro rapporto fatto di mille sfumature differenti. Ed ecco che nascono le idee. Non sempre facili da attuare per la distanza, per le connessioni che saltano, per gli strumenti che mancano, perché non c’è sempre lo spirito giusto dopo tanti giorni di “isolamento”. Ma la voglia di continuare a portare per mano i ragazzi verso la crescita, ad aiutarli a guardare in faccia il loro futuro, a costruire un domani speciale per ognuno è più forte di tutto. Scende qualche lacrima per chi non vuole essere spronato e rifiuta ogni tipo di approccio, ma il sorriso e la voglia degli altri sono da motore per ogni insegnante che, sin dalle prime ore del mattino e fino a tarda sera, programma non più solo un lavoro, ma un nuova vita da inventare ogni giorno.
E così il coro L.P. celebra la vita con una cover di “Heal the world” di Michael Jackson, interamente suonata e cantata dagli studenti, aiutati nel montaggio da un genitore (a dimostrazione dell’impegno anche da parte delle famiglie in questa situazione straordinaria) e coadiuvati dai docenti di strumento e coro.
Ognuno nella propria abitazione ha realizzato il pezzo e ciò che ne è venuto fuori è un video carico di emozioni che merita di essere ascoltato e visto e applaudito.
 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento