Ecotassa, Blasi: “Emiliano e Stea intervengano per risarcire i Comuni e fermare il nuovo procedimento” AN

Condividi

Una nota del consigliere Sergio Blasi sull’incomprensibile accanimento della Regione su risarcimenti e tariffa 2020.

Come volevasi dimostrare: l’inspiegabile ostinazione della Regione Puglia sull’ecotassa rischia di trasformarsi in autolesionismo puro. Non solo i giudici congelano giustamente il pagamento, ma la nuova azione giudiziaria che va definendosi – e che inizierà il 26 maggio di fronte ai giudici del Tar di lecce – rischia di diventare l’ennesima caporetto dalle conseguenze disastrose per le finanze pubbliche pugliesi.

Così, mentre i 95 Comuni salentini coinvolti in questa vicenda attendono ancora di essere risarciti per le annualità indebitamente versate dal 2014 al 2019 – come stabilito dal Consiglio di Stato e dalla Cassazione – gli uffici regionali continuano a perseverare nell’errore di applicare anche per il 2020 la tariffa massima di 30 euro a tonnellata.

Stento davvero a comprendere quale sia la ratio di un accanimento amministrativo che la giustizia italiana, in tutti i suoi gradi di giudizio, ha stabilito essere illegittimo.

Credo sia giunto il momento che l’assessore al ramo Gianni Stea e il presidente Emiliano battano un colpo su questa vicenda per ripristinare la prevalenza della politica sulla macchina burocratico-amministrativa dell’ente regionale. E questo per due ragioni fondamentali: ristabilire la legalità risarcendo subito i Comuni per le annualità passate ed evitare di esporre la Regione a ulteriori brutte figure che gratis non sono.

Si faccia presto, dunque, si metta mano alle delibere e si interrompa sul nascere il procedimento in corso da parte della giustizia amministrativa per evitare che il 26 maggio, durante la discussione di merito, Il Tar dia una ulteriore batosta alla Regione Puglia.


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento