I consiglieri comunali di Italia in comune e Taranto bene comune su Fase 2

Condividi

La decisione del sindaco di non modificare l’ordinanza del 3 aprile scorso  va letta nell’ottica del rigore che sinora ha contraddistinto l’azione dell’ente locale che ha fatto sì che Taranto si attestasse quale   città più virtuosa in Puglia con 51 casi di Covid-19 . Al contempo ,va premiato lo sforzo dei tarantini che si sono attenuti alle regole  consentendo  che negli ultimi quattro  giorni Taranto potesse registrare quota zero nuovi contagi . Ora ,però, riteniamo sia  giunto il momento , di cominciare a dare risposte alle doglianze del mondo economico ,ormai in ginocchio,  garantendo la ripresa. Ed è per questo che non sono state decise nuove restrizioni al mondo economico tanto che diversi operatori ( è il caso di alcuni bar, ristoranti e pizzerie)   in ossequio all’ordinanza della Regione Puglia, si sono organizzati iniziando a garantire  il servizio di asporto. Una ripartenza sicuramente non facile ma che va attuata al più presto al fine di dare nuova linfa all’economia asfittica  alle condizioni di massima sicurezza . Per questo sarà fondamentale il buon senso degli operatori economici che dovranno vigilare sul rispetto delle disposizioni imposte garantendo le distanze di sicurezza, evitando gli assembramenti e imponendo l’uso dei dispositivi di protezione individuale, mascherine e guanti. Solo così , sarà possibile contemperare il bisogno di rilanciare l’economia al tracollo e garantire sicurezza e tranquillità a tutti i cittadini evitando possibili nuovi focolai. Così come, in previsione del nuovo controesodo previsto nel prossimo fine settimana vanno rafforzate le misure di prevenzione. Non basta il previsto isolamento volontario. Sarebbe necessario spostare i controlli e indirizzarli specificamente nei confronti dei  pugliesi che faranno rientro a casa per riabbracciare  i propri cari garantendo così ai nostri territori  di continuare a registrare dati confortanti.

 

Condividi
Valentina D'Amuri

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento