Terza Commissione, approvata pdl che semplifica procedure amministrative in tema di sanità

Condividi

Con il solo voto contrario del M5S la Commissione sanità ha approvato la proposta di legge “Misure di semplificazione amministrativa in materia sanitaria” a firma Giuseppe Romano, Nicola Marmo, Paolo Pellegrino, Mario Pendinelli ed Ignazio Zullo.
Gli interventi legislativi intervengono sulle leggi regionali nr. 9/2017 3 sulla 53/2017, afferenti il sistema di recupero e della riabilitazione funzionale ospedaliera e territoriale della Regione Puglia.
“La materia legiferata, i regolamenti attuativi che ne sono succeduti insieme ai modelli organizzativi, si sono fondati su un cambio di paradigma importante – scrivono i proponenti nella relazione di accompagnamento alla proposta di modifica – riscrivere tutta la riorganizzazione avendo al centro della normativa non il paziente, ma la persona e quindi i temi dell’accoglienza, dell’inclusone, delle re-integrazione lavorativa, del contesto di vita in cui si stabilizza o si sviluppa la malattia, hanno avuto un’attenzione particolare.”
Ricordano ancora che la legge regionale 9/2017 ha subito un’impugnativa da parte del Governo perché in alcuni ambiti ha inteso normare materie concorrenti con lo Stato.
“La complessità della materia e le novità introdotte, pertanto, hanno in alcuni casi determinato lacune interpretative che espongono la materia a contenziosi amministrativi, in altri, per una sorta di eccessivo garantismo e trasparenza, appesantito il procedimento legato agli aspetti autorizzativi.”
Di qui la necessità di introdurre misure di semplificazione amministrativa che rispondono a molteplici esigenze di carattere applicativo, alcune finalizzate a colmare lacune normative, altre dirette a superare l’incertezza sotto il profilo applicativo di disposizioni vigenti e foriere di contenziosi, altre ancora strumentali ad adeguare la normativa regionale ad Intese-Stato Regioni vincolanti per la Regione Puglia.
Il Capo II del testo propone misure di semplificazione in materia di requisiti delle strutture sanitarie e socio-sanitarie ed introduce, in un’ottica di semplificazione, correttivi incidenti sulla disciplina regolamentare in materia di requisiti richiesti ai fini dell’autorizzazione all’esercizio e dell’accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie o di alcune tipologie delle stesse.
In particolare si prevede di stabilire un margine uniforme di difformità dai minimi regolamentari in relazione alle superfici minime previste ai fini dell’accreditamento e/o dell’autorizzazione all’esercizio da applicare in materia di requisiti strutturali delle strutture sanitarie e socio-sanitarie. Con riferimento a tutti gli immobili esistenti da adibire a strutture sanitarie e socio-sanitarie in relazione alle tipologie di strutture per cui non è prevista alcuna deroga alle superfici minime totali e/o relative ai singoli locali e/o ambienti, viene introdotto un margine di difformità consentito rispetto ai minimi regolamentari nella misura del 10%.
Con le “Disposizioni varie in materia di fabbisogno, di parere di compatibilità e di accreditamento” si propongono correttivi in materia di fabbisogno di prestazioni ambulatoriali dei presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei soggetti portatori di disabilità fisiche, psichiche, sensoriali o miste, in materia di richieste di compatibilità relative ad istanze di autorizzazione alla realizzazione per trasformazione di strutture socio-sanitarie ed in materia di accreditamento delle strutture riabilitative psichiatriche residenziali e diurne private e degli hospice.
Preventivamente all’esame della proposta di legge la Commissione ha convenuto di rimettere ad una commissione ristretta, la stessa che ha predisposto l’intervento legislativo e con il supporto dei tecnici dell’assessorato, gli emendamenti presentati e questo in considerazione della delicatezza del tema e della difficoltà di trovare una sintesi per via della modalità telematica di convocazione della commissione.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento