FDI: “Dal 4 maggio riprendono le visite ambulatoriali. I Dirigenti ASL hanno messo in sicurezza i presidi?”

Condividi

I consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Erio Congedo, Giannicola De Leonardis, Luigi Manca, Renato Perrini, Francesco Ventola e Ignazio Zullo chiedono audizione urgente del presidente-assessore alla sanità, Michele Emiliano

 

“Da giorni, sulla base dei dati di andamento dell’epidemia COVID nella nostra Regione, sollecitiamo l’avvio della cosiddetta Fase 2 anche sul versante sanitario non potendo continuare, per ancora tanto tempo, a riservare l’accesso alle procedure di diagnosi e cura solo alle prestazioni urgenti o indifferibili oltre i dieci giorni. Per questo sono giorni che sollecitiamo la necessità di potenziare l’assistenza territoriale e domiciliare, di riavviare le vaccinazioni e le prestazioni di diagnosi, cura e riabilitazione per le quali ad oggi è impedito l’accesso.

“Ora, da notizie di stampa apprendiamo che lunedì prossimo 4 maggio si riprendono le attività sanitarie ambulatoriali. Certo una buona notizia che va nel senso da noi più volte sollecitato ma che, ovviamente, va contestualizzata con la possibilità di mettere in atto tutte le precauzioni di igiene e sicurezza del lavoro e le misure atte ad impedire la diffusione del virus nei pazienti per evitare che accada ciò che è accaduto per gli ospedali che da luoghi di cura si sono trasformati in luoghi di contagio.

“Nel frattempo nulla viene ancora detto sull’avvio delle USCA che, per disposizioni governative, avrebbero dovuto essere già attive dal 19 marzo. Per questo diciamo ancora una volta: non basta emanare annunci o disposizioni oggi, sabato 2 maggio, se non si comprende se i Direttori Generali hanno revisionato i DVR e se per domani, domenica 3 maggio, ogni struttura in cui avranno accesso i pazienti a partire dal giorno dopo, lunedì 4 maggio, sono state rigorosamente attuate tutte le procedure strutturali, organizzative e tecniche prescritte nel protocollo integrato di sicurezza.

“C’è tanta approssimazione e ritardo che ci hanno indotto a chiedere con urgenza l’audizione del presidente-assessore alla Sanità, Emiliano, in Commissione Sanità. In questo caso SICUREZZA vuol dire SALUTE…”

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento