Sanitaservice Taranto, FDI: la selezione per sorteggio fra pochi ‘intimi’ è fuori da ogni regola, vogliamo subito chiarezza

Condividi

La denuncia dei consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Erio Congedo, Giannicola De Leonardis, Luigi Manca, Renato Perrini, Francesco Ventola e Ignazio Zullo

 

“Il coronavirus ha reso fantasiosi le procedure di assunzione in Puglia. Dopo le selezioni via wathapp all’Acquedotto pugliese pensavamo di aver visto tutto, ma ci sbagliavamo alla Sanitaservice di Taranto sono andati oltre ogni immaginazione: hanno fatto un sorteggio per selezionare candidati alla presenza di pochi ‘intimi’, ovvero il datore di lavoro e due suoi collaboratori, l’uno con funzione di verbalizzante e l’alto con funzioni di testimone!

“Premesso che le procedure selettive vigenti non sono state né modificate né derogate neppure ai tempi del Covid e anche ammesso che si proceda con sorteggio, avremmo comunque voluto che fosse una commissione indipendente a gestire tutte le operazioni o che vi fosse la presenza di un notaio o della Guardia di Finanza. E invece no! Il datore di lavoro ha deciso i criteri del sorteggio con l’ausilio di un’azienda da egli stesso commissionata e sempre il datore di lavoro ha proceduto alle operazioni del sorteggio con un segretario verbalizzante sua collaboratrice e un’altra collaboratrice come teste. Basti solo pensare che in ogni atto notarile sono addirittura richiesti due testi, così come anche per autenticare la croce di chi non sa o è impedito a firmare. Invece per il sorteggio della Sanitaservice di Taranto è bastata un solo teste la cui indipendenza dal suo datore di lavoro è da presumere affievolita dalla sudditanza.

“Chiederemo a tutti gli amministratori degli Enti/Aziende dipendenti dalla Regione di comunicarci tutte le procedure selettive effettuate nel periodo febbraio-aprile, se sono state portate a termine, il numero di assunzioni effettuate e le modalità di selezione adottate per portare quelle che appaiono non rispondenti a norma all’attenzione delle Autorità Giudiziarie competenti”

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento