Le precisazioni del Consigliere dell’Unione dei comuni Angelo Di Lena al comunicato di Franco Lupoli e Antonio Basta, amministratori di Pulsano

Condividi

Articolo di stampa dal titolo : Lettera di un Sindaco e di un giovane amministratore al Presidente Emiliano
Franco Lupoli e Antonio Basta, amministratori di Pulsano: “Salviamo il nostro territorio” pubblicato sul giornale on line Buonasera Taranto del 3 Maggio 2020.

In riferimento all’articolo pubblicato sul sito internet Buonasera Taranto in data 03/5/2020 di cui all’oggetto, con la presente si rappresenta quanto segue.

In primo luogo si rappresenta che con provvedimento n.ro 524 del 8/4/2020 ad oggetto “Interventi urgenti per il contrasto alle conseguenze socioeconomiche della diffusione della Pandemia da Covid-19. Atto di Programmazione” la G.R. ha adottato un atto di riprogrammazione dei fondi PO FESR 2014/2020 e FSC 2014/2020 in conseguenza a quanto sollecitato dalla Commissione Europea con Comunicazione (2020)112 del 13 marzo u.s. al Parlamento Europeo, al Consiglio Europeo, al Consiglio, alla Banca Centrale Europea, alla Banca Europea per gli Investimenti e all’Eurogruppo, circa la necessità di adottare una serie di misure coordinate a livello europeo e un approccio comune chiaro e coerente per la gestione dell’emergenza da pandemia.
Nel dettaglio la Commissione Europea invitava tutti gli Stati Membri a massimizzare l’impatto dell’iniziativa di investimento in risposta al Coronavirus e poneva in essere iniziative anche di natura legislativa che includono, tra le altre, misure relative alla regolamentazione dei Fondi SIE, per fronteggiare con urgenza l’Emergenza riconosciuta a livello globale, ribadendo tra l’altro l’invito a riprogrammare le risorse non spese per indirizzarle su misure volte a fronteggiare l’Emergenza (sotto il profilo sanitario, sociale ed economico), senza dover chiedere l’autorizzazione alla Commissione, ai sensi dell’attuale art. 30 del Reg. (UE) 1303/2013 e ss.mm.ii. (il “Reg. Gen. SIE”), così ampliando la definizione di modifiche “non sostanziali” dei programmi operativi.
Il provvedimento della G.R. n.ro 524 del 8/4/2020, e tutti gli altri atti di programmazione, non stabiliscono il definanziamento degli interventi richiamati dal Consigliere comunale Basta e dal Sindaco di Pulsano Lupoli nell’articolo pubblicato ma sono riferiti:
Per gli importi relativi al POR FESR 2014/2020:
alla rimodulazione finanziaria tra Assi del POR per un importo pari a 110 meuro da trasferire sull’Asse III del Programma attraverso l’acquisizione di 29 meuro dall’Asse I ed in particolare dalle Azioni 1.3 “Interventi per l’innovazione e l’avanzamento tecnologico delle imprese” e 1.4 “Interventi di promozione di nuovi mercati per l’innovazione”, di 41 meuro dall’Asse II ed in particolare dalle Azioni 2.2 “Interventi per la digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi digitali della PA a cittadini e imprese” e 2.3 “Interventi per il potenziamento della domanda di ICT di cittadini e imprese in termini di utilizzo dei servizi online, inclusione digitale e partecipazione in rete”, di 40 meuro dall’Asse VI ed in particolare dall’Azione 6.1 “Interventi per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti urbani”, cui si aggiunge la disponibilità̀ di 40 meuro ottenuti da una rimodulazione interna alle Azioni dell’Asse III;
Mentre per quanto riguarda i fondi F.S.C. 2014/2020 il provvedimento stabilisce di :
demandare il dettaglio della riprogrammazione del Fondo di Sviluppo e Coesione a successivo provvedimento di Giunta a cura dell’Assessore con delega alla Programmzione Unitaria su istruttoria del Dirigente della Sezione Programmazione Unitaria da conseguire con urgenza in linea con le esigenze di accelerazione previste per i Fondi SIE che di FSC, per convergere sugli obiettivi impellenti posti dall’emergenza in atto;
stabilire che la riprogrammazione del FSC verrà predisposta sia a valere sul Patto per la Puglia, sia tramite la messa a disposizione di un importo fino al 3% della dotazione finanziaria attuale di ciascun singolo Accordo di Programma Quadro sottoscritto nell’ambito della programmazione 2007-2013, e che i progetti di rilievo strategico oggetto di riprogrammazione saranno comunque realizzati con le risorse finanziarie che saranno messe a disposizione nella programmazione 2021-2027.
Pertanto, non corrisponde al vero quanto affermato dal consigliere Basta e dal Sindaco Lupoli  in ordine e al fatto che la Giunta Regionale Pugliese abbia distolto i fondi previsti per l’infrastruttura Stradale S.R.8 Taranto-Avetrana e per l’emergenza corona virus.
In secondo luogo, corre l’obbligo rappresentare che fu proprio grazie alla Programmazione regionale dell’anno 2016 che la Giunta Regionale pugliese chiese ed ottenne dal Governo, per la prima volta, il finanziamento dell’infrastruttura per la realizzazione della II e III tratta del Progetto della S.R. 8 Talsano Avetrana, per un totale di circa 240 milioni di euro, atteso che sino ad allora era stata finanziata soltanto la prima tratta ed il resto dell’opera non aveva una copertura finanziaria, fatto che avrebbe reso impossibile la realizzazione della stessa non potendo, l’Autorità Competente, autorizzare un’opera che non fosse funzionale e funzionante.
È doveroso in ultimo far presente che in data 20/02/2020 la Provincia di Taranto ha depositato gli atti progettuali della S.R. 8 Talsano-Avetrana per la necessarie autorizzazioni e che gli Enti interessati alla attuazione dell’intervento, Provincia e Comuni, ad oggi si ritiene abbiano adottato le necessarie obbligazioni giuridicamente vincolanti, per le quali sarà cura del               DIPARTIMENTO MOBILITA’, QUALITA’ URBANA, OPERE PUBBLICHE, ECOLOGIA E PAESAGGIO procedere alla relativa verifica al fine di preservare le risorse finanziarie in questione che, qualora non impegnate, potrebbero ritenersi svincolabili e da trascinare sulla nuova programmazione.
E’ altresì totalmente inopportuno che proprio il Sindaco di Pulsano anziché battagliare all’UNIONE DEI COMUNI TERRE DEL MARE E DEL SOLE nel Marzo 2019 oltre che in provincia accettò passivamente la proposta della Provincia , che come richiesto dalla Regione, riguardava solamente l’adeguamento della strada provinciale Salentina, cioè la futura litoranea interna; rimarranno fuori dal finanziamento i raccordi con la viabilità minore dei centri costieri come Pulsano e Leporano , ma soprattutto rimarranno  fuori dal finanziamento i lavori di adeguamento della attuale litoranea; per questa arteria era previsto un piano di riqualificazione ambientale con un senso unico e pista ciclopedonale lungo l’intera tratta che va dalla Baia dei Pescatore al confine tra Leporano e Pulsano fino a Torre Columena.
Allego anche mio comunicato come consigliere dell’Unione dei comuni terre del mare e del sole del Marzo 2019 : https://www.jotv.it/2019/03/29/regionale-8-di-lena-pulsano-e-leporano-fuori-da-finanziamento/
È doveroso inoltre far presente che prima di chiedere aiuti alla regione Puglia per il turismo , passiate dalla commissione consiliare turismo e finanze, tributi e bilancio del comune di Pulsano visto che come membro di entrambe le commissioni ho chiesto già al Sindaco qualche giorno fa di predisporre un emendamento per sospendere il pagamento delle tasse e l’adozione di misure a sostegno delle attività produttive , magari facendo spese più ponderate di quelle che state continuando a fare senza nemmeno consultare il mepa.
Dobbiamo essere noi in primis a fare i sacrifici , per poi chiedere eventuali aiuti .

Tanto si doveva per dovere di informazione e con l’intento di una comunicazione leale e
plurale.

ANGELO DI LENA , Consigliere dell’Unione dei comuni terre del mare e del sole

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento