Ferrovie: 15 miliardi di investimenti, la metà al Sud. Il progetto della Bari-Napoli è ora completamente finanziato

Condividi

Un investimento complessivo pari a 15,4 miliardi di euro, di cui il 51% delle nuove risorse previste dall’aggiornamento del contratto di programma 2017-2021 di Rete Ferroviaria Italiana destinato al Sud. A riferirlo è l’amministratore delegato RFI, Maurizio Gentile, in audizione alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati. Gli investimenti, frutto degli stanziamenti previsti nelle Leggi di Bilancio 2018-2019, si suddividono tra nuove linee (6 miliardi di euro); sicurezza (2,2 mld); direttrici di rete convenzionali (2,2 mld); potenziamento tecnologico (1,8 mld); potenziamento nodi urbani (1,5 mld); linee regionali (1,1 mld); collegamento dell’ultimo miglio (200 mln); ferrovie turistiche (100 mln).

 

È la prima volta che una percentuale così cospicua delle risorse viene dedicata ai territori del Mezzogiorno per potenziare e innovare la propria rete ferroviaria – dichiara il deputato pugliese Emanuele Scagliusi, capogruppo M5S in Commissione Trasporti a Montecitorio – Con questo aggiornamento, il progetto atteso da decenni della Bari-Napoli viene completamente finanziario: restano da fare le gare e realizzare le opere. Tra gli interventi finanziati anche la stazione AV Foggia Cervaro, l’elettrificazione e ammodernamento della linea Barletta-Canosa e la progettazione della variante Bari Nord. Siamo particolarmente soddisfatti: anche se l’emergenza sanitaria Covid-19 ha comportato un rallentamento dei cantieri che potrebbero subire ritardi nella consegna dei lavori – prosegue Scagliusi (M5S) – l’ad Gentile ha rassicurato il massimo impegno di RFI per il recupero del tempo perduto nella seconda parte del 2020”.

 

Entro l’anno è prevista, difatti, una raffica di appalti con la pubblicazione di gare per 13,8 miliardi di euro, di cui 7,5 per i progetti e 6,3 per i programmi, in tutti i settori. L’aggiornamento contrattuale si divide in 5 items: maggiori risorse per il recupero infrastrutturale del Sud; massima cura del patrimonio infrastrutturale esistente ovvero manutenzione; centralità delle stazioni ferroviarie per le città del futuro; infrastrutture per accompagnare i turisti alla scoperta del Paese (ferrovie turistiche) e tecnologia Ertms per l’interoperabilità dei treni con cui si punta a coprire l’intera linea in 15 anni.

 

Si tratta di investimenti che vanno nella direzione del miglioramento dell’intera rete, sia in termini di fruibilità che di sicurezza – conclude il deputato Emanuele Scagliusi (M5S) – Giovedì voteremo in Commissione Trasporti il parere definitivo all’aggiornamento 2018-2019 del contratto di programma 2017-2021 dando il via libera parlamentare agli investimenti di RFI”.


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento