Zullo a Campo: “La clausola del 34% non c’entra nulla con i fondi europei e quelli della coesione”

Condividi

Il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo, replica al collega del Pd, Paolo Campo.
“Nel gergo del tresette si dice ‘bussare a denari e vedersi rispondere a coppe’… ed è quello che ha fatto il collega Campo che fa riferimento all’art. 7 della Legge 243 del 2016 che stabilisce la ‘clausola del 34%’, ovvero una soglia da destinare come minimo al Sud sulla quota di risorse dei programmi di spesa, in conto capitale, finalizzata alla crescita e al sostegno degli investimenti da assegnare sull’intero territorio nazionale, ma che nulla ha a che vedere con il taglio del 10/20% dei Fondi Europei e Fondi di Sviluppo e Coesione, che sono tutt’altra cosa!!! E spiace che Campo faccia questa confusione, per altro ‘la clausola del 34%’ doveva essere applicata soprattutto per gli investimenti infrastrutturali e quindi interessavano in modo particolare RFI e ANAS. Visto che Campo la tira in ballo ci faccia pure sapere: la Puglia dal 2017 ne ha beneficiato? In periodi non Covid, negli anni scorsi, questa percentuale non è stata assolutamente rispettata! Non lo diciamo noi, lo dicono gli ultimi approfondimenti fatti dall’Agenzia per la Coesione Territoriale e la SVIMEZ: una percentuale mai applicata. Tant’è che era previsto per il 30 aprile scorso che fosse emanato un DPCM che regolasse proprio il principio al quale fa riferimento Campo. E’ stato emanato??? Lo chiediamo a Campo che sembra così informato e se sì lo renda pubblico!!! Anche perché mentre il ministro Provenzano assicurava che sarebbe intervenuto sul premier Conte per farlo approvare, contemporaneamente, il sottosegretario Mario Turco, autorità politica che dovrebbe proporre a Conte il DPCM in un documento da lui predisposto fra le varie soluzione ha ipotizzato di sterilizzare per quest’anno la clausola del 34%.
Detto questo Campo risponda nel merito delle questioni sollevate anche dall’on. Fitto: oltre al taglio sventato in Consiglio (con il voto contrario proprio di Campo) è vero o no che alla Puglia nella programmazione 2014-2020 sono stati assegnati 7,1 miliardi e al 31 dicembre 2019 la Regione ha impegnato 3,7 miliardi e speso solo 1,9 mld? E che ha ottenuto per lo stesso periodo per Fondi di Sviluppo e Coesione per 2,7 miliardi e in sei anni ne ha impegnato 479 milioni (23%), ma ne ha SPESI 51 mln (2,5%)?
Campo, il Pd, Emiliano, la maggioranza risponda a queste domande, solo così potremo non solo rasserenarci ma soprattutto lo saranno i pugliesi!”.


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento