Battista: “Spiagge libere, niente scherzi”

Condividi

L’estate é alle porte, le temperature cominciano ad alzarsi e i cittadini tarantini  chiedono come si potrá accedere sulle nostre bellissime spiagge e godersi gli splendidi tramonti su i km di litorali mozzafiato che circondano il nostro territorio.
La cosidetta Fase 2 sta per terminare, è tempo di conoscere e organizzare  il futuro della stagione estiva ed è bene ripartire da quello che Taranto e la sua provincia  ha di più importante: la bellissima costa e il mare.
Siamo in netto ritardo  per responsabiltá e incompetenza di chi governa sia a livello centrale che locale, si doveva già avere un idea netta e decisa  visto che qualcuno a suon di slogan dichiara che il futuro di Taranto deve ripartire dalle nostre coste e dal nostro mare.
La stagione estiva oramai è alle porte e nello specifico per  la gestione delle spiagge e degli arenili non ci sono al momento notizie, ma una cosa deve essere chiara a tutti non ci dovranno essere cittadini di serie A e cittadini di serie b , ben venga dare modo e tempo alle strutture private di cominciare ad organizzarsi per poter essere pronti per  un imminente apertura dei lidi, ma nello stesso tempo voglio ricordare ai potenti che  il mare e di tutti, di chi ha la disponibilità economica e di chi  preferisce recarsi su spiagge libere.  Quindi da subito va trovata una soluzione per dare a tutti la possibilità di accedervi, qualcuno non pensasse che le spiagge pubbliche diventino improvvisamente oggetto del desiderio di qualche “prenditore” che approfittando della”pandemia” diventi gestore per sempre dei nostri lidi, chi  si facesse strani pensieri avrà un nemico da combattere.
Occorre immediatamente  stabilire e definire  i criteri per accedere nei lidi balneari privati e pubblici, nel rispetto di tutti e dando la possibilità di usufruire di un bene primario, sia per i turisti che per i residenti che vogliono godere della spiaggia libera.  Il nostro mare è una risorsa, facciamo in modo che tutto venga fatto con rispetto. per il bene di quei cittadini che hanno voglia di godersi le spiagge e il mare della provincia tarantina in piena libertà senza restrizioni  e divieti perché questa città subisce già da un pezzo per la presenza dei siti industriali targati Stato Italiano.
Consigliere comunale Battista.
 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento