Nuove donazioni all’ASL Taranto

Condividi

Nei giorni scorsi un gruppo costituito da Giovanni Napoli, produttore di olio nel frantoio operaio di famiglia “Fratelli Napoli” di Bitonto, Anna Moschetti, referente per Eumakers, azienda che produce filamenti per stampanti 3D, e Vito Carrara, Co-Founder di Solid Frame, ha donato all’ASL Taranto 105 scudi facciali realizzati personalmente (e in parte autonomamente progettati) attraverso stampanti 3D, per le esigenze del personale del reparto di Rianimazione dell’Hub Covid “Moscati”.

Il gruppo è composto da tre appassionati di prototipazione e stampa 3D, che hanno deciso di unire le forze per dare un contributo nel quadro dell’emergenza Covid, sostenendo il personale sanitario degli ospedali pugliesi impegnato nella difficile lotta al Coronavirus.

Il direttore del reparto di Rianimazione ha ringraziato il gruppo dei tre produttori di scudi facciali, sottolineando come quanto sia importante e nobile, soprattutto in frangenti come quello che stiamo vivendo, fare la propria parte mettendo a frutto le proprie passioni e le proprie capacità a beneficio della collettività.

Un’altra donazione è stata effettuata da Gruppo Caffo 1915, cui appartiene l’azienda ionica Borsci S.Marzano. Gruppo Caffo 1915, su iniziativa di Confindustria Taranto, ha donato al reparto di Pneumologia del Moscati 400 flaconi di Alcospray Caffo per la sanitizzazione delle mascherine monouso. Alcospray è una soluzione che rende le mascherine a tutti gli effetti riutilizzabili. Il prodotto è composto da 75% per cento di alcol etilico neutro e acqua demineralizzata. La sua composizione lo rende adatto anche alla sanificazione delle superfici a contatto con gli alimenti, avendo i requisiti richiesti per tale uso dallo Stabilimento Chimico Farmaceutico dell’Agenzia Industrie Difesa (che fissa il parametro utile all’igienizzazione con alcol etilico neutro al 70%).

Il direttore del reparto di Pneumologia, a nome anche di tutto il personale di reparto, ha ringraziato sentitamente l’azienda per questo nobile gesto di solidarietà. Roberto Borsci ha risposto con queste parole: “Come cittadino mi sento orgoglioso e riconoscente verso tutto il personale dell’ospedale Moscati per la professionalità e il senso del dovere con il quale ogni giorno affrontano questo terribile nemico. Sono certo che la scelta della famiglia Caffo, e in particolare dell’AD Nuccio Caffo, di riconvertire parte dell’attività per realizzare un prodotto che possa essere di aiuto ai medici e agli operatori sanitari sia la migliore dimostrazione di vicinanza”.

“Ringraziamo per la generosità e la competenza il Gruppo Caffo. Alla sanità jonica – ha aggiunto il Presidente di Confindustria Taranto Antonio Marinaro – non ci stancheremo mai di rivolgere il nostro Grazie, auspicando che l’efficace organizzazione messa in campo possa essere emulata anche da altri attori territoriali”.

La Direzione della ASL esprime gratitudine per le nuove donazioni, sottolineando che questi atti di generosità garantiscono un aiuto concreto agli operatori che oggi sono in prima linea sul fronte dell’emergenza Coronavirus, e la vicinanza mostrata contribuisce anche a tenere alto il loro morale.

 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento