Centri diurni psichiatrici. Galante: “Rivedere le disposizioni regionali per la ripresa delle attività”

Condividi

Il consigliere del M5S Marco Galante ha inviato una nota al direttore del Dipartimento Salute regionale Vito Montanaro e all’assessore alla sanità Michele Emiliano per chiedere di rivedere la posizione presa dalla Regione Puglia in tema di ripresa delle attività dei Centri Diurni psichiatrici.

“In particolare – dichiara Galante – ho chiesto di porre l’attenzione sulla circolare che ha previsto una frequenza massima di 10 pazienti al giorno sui 20 previsti dal Regolamento regionale. Ritengo sussista un rischio di infezione da Covid-19 elevato per l’inevitabile assembramento di utenti e operatori in spazi comunque limitati, poco arieggiati e a volte stretti. Per questo ho chiesto che il Dipartimento salute regionale e il “non Presidente/Assessore” alla sanità pugliese possano rivedere le disposizioni in modo da escludere la contemporanea presenza di 10 utenti all’interno dei Centri e formulare disposizioni che chiariscano che i gruppi debbano essere formati da non più di 3-4 utenti con conseguente turnazione degli stessi nell’arco della giornata.

Soluzione – conclude – che sarebbe inoltre molto più in linea con quanto stabilito dal Ministero della Salute che richiede di prediligere l’attività da remoto, individuandola come strumento per la gestione delle fragilità degli utenti in questa fase di forte criticità e che, in ogni caso, sottolinea il divieto assoluto di assembramenti. Auspico una immediata inversione di rotta da parte della Regione”.


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento