Caro Onorevole ti scrivo, mi chiamo Roberto Cifarelli

Condividi

Carissimo Onorevole Gianpaolo Cassese,

mi permetto di scriverle in quanto lei deputato della nostra Repubblica vorrei farle presente che come titolare di azienda che si occupa di servizi e noleggi vari per la Cultura ed il mondo dello Spettacolo, nonché padre di famiglia, sono amareggiato, sconfortato anche dopo l’ ultimo vostro decreto del 13.05.2020.

Le chiedo e sarebbe opportuno che almeno lei ci farebbe da portavoce per la provincia di Taranto e per la Regione Puglia con l ‘ ass. Loredana Capone e per conoscenza anche al Ministro Dario Franceschini.

Le misure pensate dal Governo e dalla Regione Puglia,, ancora una volta sono insufficienti e siamo stati ignorati sulle problematiche e circostanze che ha coinvolto in pieno il settore dello spettacolo, Aziende tecnici Audio Luci Video ed artisti.

Come ben sai sono un portatore sano di Partita Iva da 15 anni, la mia azienda si occupa di noleggi audio luci video e strutture, era una delle più quotate sul territorio, sono e siamo stati coinvolti in pieno da questa emergenza COVID 19, come da decreto sono fermo dal 26 Febbraio scorso, ed ad oggi ancora non si vede luce in fondo al tunnel, siamo stati i primi ad essere bloccati ed e’ palese che saremo gli ultimi ad essere sbloccati.

Con ansia abbiamo aspettato notizie in questi tre mesi da parte di Governo e Regione, dopo l’ ultimo decreto Governativo del 13.03.2020 e Regionale del 12.03.2020, siamo stati ancora una volta ignorati del tutto, siamo rimasti gli invisibili della grande macchina Culturale organizzatore di Eventi e Spettacoli.

Siamo incazzati neri noi titolari e tecnici, in quanto le misure prese da parte di Governo e Regione sono insufficienti.

Io sono un titolare d’ azienda che purtroppo in tempi non sospetti, ha fatto investimenti in attrezzature nei mesi scorsi, ed oggi mi ritrovo comunque a pagare i fornitori e le relative scadenze INPS – INAIL e tutto ciò che comportano le scadenze in F24, la mia realtà che ho sempre puntato da sempre sulla mia forza e capacità.

Il mio appello è che il nostro settore operante negli Spettacoli e Cultura colpiti da questa emergenza, non sia più ignorato, ma abbiamo veramente bisogno.

È maturato il tempo ed il diritto di un provvedimento chiaro, semplificato con un sostegno vero economico a fondo perduto nonché di un contributo mensile, non per pagare gli investimenti effettuati ma per mantenere e sfamare una famiglia.

Non si aiutano le aziende con il credito d’ imposta o spostando i pagamenti dei relativi f24 a settembre, le aziende, le persone in un momento così difficile si aiutano mettendo in campo liquidità.

Grazie ONOREVOLE, sono sicuro che prenderai a cuore questo mio appello.

In segno di apprezzamento

distinti saluti

 


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento