Rizzo: “Arcelor Mittal ferma gli impianti e riduce il numero dei lavoratori in azienda”

Condividi

Da oggi una riduzione della produzione nello stabilimento siderurgico con la fermata di diversi impianti: PLA dal 17 maggio, Decapaggio da oggi, Decatreno da sabato, Zincatura 2 non ripartirà come previsto il 18 maggio, per Tna2, al momento fermo per manutenzione, Arcelor Mittal darà ulteriori comunicazioni.

Arcelor Mittal ferma dunque alcuni impianti e riduce il numero dei lavoratori in azienda con ripercussioni per la sicurezza e per l’ambiente, portando il numero delle unità lavorative al di sotto di quel limite che aveva in precedenza definito invalicabile. Dunque fa oggi quello che avevamo chiesto nel recentissimo passato per ridurre il piú possibile il contagio da Covid-19: limita le presenze in azienda senza specificarne i motivi. E’ chiaro che un simile atteggiamento genera il pericolo di disordini all’interno dello stabilimento in un momento già di per sé complicato.

Dopo la comunicazione ufficiale fatta ai sindacati nel pomeriggio, in serata l’azienda, con modalità peraltro anomale (con telefonate), ha informato altri lavoratori della decisione di tenerli a casa.

A questa azienda si concede ogni cosa, dice tutto e poi il contrario senza che nessuno lo faccia notare e pesare.
Altro chiaro esempio di ciò: per quel che riguarda la produzione di ghisa, Pascucci, direttore dello stabilimento e Ferrucci, capo del personale, meno di un mese fa, hanno dichiarato, alla presenza del Prefetto, che 8.500 tonnellate rappresentavano il livello minimo per garantire la sicurezza degli impianti; allora non si comprende come oggi si possa essere sotto le 7.500 tonnellate al giorno.
Inoltre continua a crescere il numero dei licenziati, anche negli ultimi tempi diversi lavoratori hanno ricevuto la comunicazione da parte dell’azienda che tra l’altro adduce futili motivi; alto anche il numero dei cassintegrati. Da qui si deduce la strafottenza della Morselli e degli altri dirigenti, che sono la coerente espressione di un’azienda che, a nostro avviso, non ha alcuna intenzione di onorare gli impegni presi col Governo, che ancora non paga le ditte dell’appalto e che continua in ogni modo a dettare legge, non rispettando neanche le Istituzioni. L’ atteggiamento dell’amministratore delegato di Arcelor Mittal Lucia Morselli sembra quello di chi è fuggito da un Centro di Igiene Mentale per il comportamento che assume nei confronti dei lavoratori e della città tutta.
Alla luce di tutto ciò, chiediamo al Governo un incontro urgentissimo. Via da Taranto la Morselli e Mittal.

Franco Rizzo, coordinatore provinciale USB Taranto

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento