Primitivo di Manduria, Turco: “Fare fronte comune per legarne il marchio al territorio. Basta speculazioni”

Condividi

“Bisogna creare una cabina di regia a tutela dei nostri vitigni. E facciamolo iniziando con il Primitivo
Il nome è solo pugliese perché caratterizza la nostra identità e nessuno può appropriarsene al di fuori dell’area interessata. Intervenga anche la Comunità Europea”.
Lo dichiara il consigliere regionale di Senso Civico – Un Nuovo Ulivo per la Puglia, Giuseppe Turco, a margine dell’audizione dei dirigenti regionali e dei rappresentanti di categoria in IV Commissione Attività Produttive sul Primitivo pugliese all’indomani del decreto della Regione Sicilia che autorizza da agosto scorso nel suo territorio la coltivazione della varietà di vite Primitivo n- cod. 199.
“Sappiamo bene che l’atto della Regione Sicilia è incontestabile – spiega Turco – ma adesso dobbiamo fare fronte comune affinché il nome Primitivo sia legato al territorio, creando di fatto un binomio indissolubile a tutela dei produttori e dei consumatori. Non a caso ho presentato nei giorni scorsi una mozione urgente perché bisogna legare il vitigno alla sua area di riferimento per evitare speculazioni, così nessuno potrà appropriarsi del nome del vitigno al di fuori dell’area interessata. E assolutamente non faremo alcun passo indietro e nessuno ci potrà incantare raccontandoci la storia che non ci sarà alcun scippo a nostro carico”.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento