Taranto, bar e ristoranti: più suolo pubblico e meno burocrazia

Condividi

Da lunedì 25 Maggio bar ed esercizi di ristorazione potranno inoltrare al Suap la richiesta per aumentare l’occupazione di suolo pubblico senza costi aggiuntivi.
La dichiarazione, corredata da planimetria, permetterà di posizionare gratuitamente tavolini, sedie e ombrelloni con un incremento del 50% dello spazio concesso con le autorizzazioni precedenti, in modo tale da compensare la necessità di maggiore distanziamento prevista dalle norme anti Covid-19.
La procedura, peraltro, è stata estremamente snellita perché, a meno di situazioni particolari, la comunicazione avrà praticamente già valore di autorizzazione. La novità, rispetto ad altre città d’Italia, è che anche le nuove autorizzazioni saranno concesse con le stesse norme e procedure.
«Voglio ringraziare ASL, Soprintendenza e dirigenti del Suap – le parole dell’assessore Gianni Cataldino – per aver accompagnato l’esigenza dell’amministrazione Melucci di sburocratizzare al massimo l’iter sino al 30 ottobre. Questo provvedimento, insieme alle delibere in preparazione, nasce dall’ascolto delle realtà produttive effettuato con il sindaco Rinaldo Melucci. Alle due “S” di sanità e sicurezza, abbiamo voluto far seguire quella di serenità e per questo abbiamo avviato un confronto con ASL e con gli altri attori coinvolti per poter dare agli operatori garanzia di norme chiare e controlli omogenei. Il resto è affidato al senso di responsabilità di esercenti e fruitori».
 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento