Rossella Durante: “Altri rifiuti provenienti dalla Calabria nelle nostre discariche. Ora basta”

Condividi

La Giunta regionale, guidata dal governatore Michele Emiliano, ha adottato una delibera che consente alla Calabria di smaltire seicento tonnellate di rifiuti indifferenziati nelle discariche di Manduria e di Massafra.

L’argomento ha suscitato la presa di posizione dell’avv. Rossella Durante del Movimento IDEA-CAMBIAMO di Manduria, perché la notizia rischia di passare inosservata, soprattutto per il silenzio dei consiglieri regionali dei rispettivi territori (Morgante e Mazzarano), incapaci di incidere sulle scelte della Regione, non solo riguardo alla gestione dei rifiuti, ma anche per gli ospedali e, nel caso di Manduria, persino per la scellerata localizzazione del depuratore consortile.

La situazione della provincia di Taranto non è stata mai adeguatamente considerata nemmeno dagli altri consiglieri regionali eletti nel mandamento e neppure, come ci si sarebbe aspettato, da Cosimo Borraccino che non ha prodotto alcunché per la provincia di Taranto, nonostante la sua delega assessorile allo sviluppo economico. Anzi, la provincia di Taranto è divenuta il bersaglio costante di veri e propri attentati all’ambiente e al diritto alla salute, come le autorizzazioni rilasciate per sopralzi di discariche e le decisioni di chiudere interi reparti ospedalieri, soltanto per contenere la spesa sanitaria in danno dei cittadini più deboli, le cui conseguenze si sono viste anche nel corso della pandemia da Covid19.

Non occorre essere geni per comprendere che Manduria  non è più neppure in grado di sostenere le immissioni di sostanze tossiche scaturenti dai rispettivi impianti che lavorano alacremente e senza sosta. E d’altro canto i cittadini non possono continuare a pagare sulla propria pelle il prezzo dell’assurda gestione dei rifiuti, con il pericolo di contaminazione dell’aria, ma anche del suolo e dell’acqua.

Pertanto, conclude l’avv. Durante, la provincia di Taranto non deve essere la pattumiera d’Italia, non solo per le invitabili problematiche ambientali e sanitarie, ma anche per il rischio che corre di essere identificata, nell’immaginario collettivo, con i rifiuti e lo scarto che essa stessa accumula cronicamente sul proprio territorio.

 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento