Coronavirus: nei report saranno rese note anche le tipologie dei pazienti sottoposti a tampone

Condividi

“La Regione ha accolto la nostra richiesta di pubblicare i dati sul numero di tamponi eseguiti in modo disaggregato, ovvero non solo divisi per Provincia, ma anche rendendo nota la tipologia dei pazienti esaminati, ad esempio se si tratta di personale medico, o di ospiti di strutture sanitarie. Queste informazioni verranno pubblicate sul report settimanale di monitoraggio della Fase 2 della Regione Puglia e saranno importanti per avere un quadro maggiormente dettagliato dell’andamento del contagio, in modo da poter mettere in campo provvedimenti mirati”. Lo dichiara la consigliera del M5S Rosa Barone, che nelle scorse settimane aveva inviato una nota al Dipartimento Salute della Regione Puglia
“Ringrazio il professor Lopalco e il dirigente del Dipartimento per la puntuale risposta – continua Barone – peccato non poter dire altrettanto dell’assessore alla Sanità. La richiesta di tamponi o test sierologici obbligatori per chi è rientrato in Puglia dal 4 maggio, come disposto da altre Regioni, richiede una risposta politica, così come quella dell’aumento del numero di tamponi da eseguire, ma Emiliano continua a nascondersi dietro ai tecnici. Dopo qualche breve apparizione in Commissione Sanità o nella riunione dei capigruppo, è tornato a non informare il Consiglio sulle misure da adottare. Ad esempio, per quello che riguarda le USCA, del cui iter lungo e travagliato abbiamo saputo dai giornali o per la sperimentazione della immunoterapia passiva con il plasma raccolto da pazienti guariti dal Covid, annunciata la prima volta l’11 aprile e riannunciata a distanza di un mese, quando finalmente è partita. La prossima volta ci toccherà chiamare qualche trasmissione tv in cui è ospite: l’unico modo per avere risposte”.

 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento