Bitetti: Taranto sta cambiando e lo sta facendo in meglio

Condividi

Sono molte le iniziative che, sulla base delle decisioni assunte dall’Amministrazione comunale, renderanno il capoluogo ionico una città a vocazione europea e con una apprezzabile qualità della vita. Affrontata finalmente e una volta per tutte la questione del futuro dello stabilimento siderurgico, il Comune guidato dal sindaco Melucci guarda con fiducia ai prossimi anni soprattutto per ciò che concerne gli interventi di riqualificazione urbana e di rigenerazione del tessuto sociale. In particolare, le scelte riguardanti la mobilità e il trasporto pubblico vanno nella giusta direzione di attenuare l’impatto delle fonti inquinanti. In quest’ottica, è utile segnalare la presa di posizione di alcune associazioni che si occupano proprio di questi temi. È condivisibile, per esempio, la sfida lanciata da Legambiente di mettere a dimora nel territorio comunale di Taranto 200mila nuovi alberi entro il 2025. È un traguardo che possiamo raggiungere se solo saremo capaci di coinvolgere tutti i cittadini. Sarebbe il segno – l’ennesimo, in realtà – della voglia di riscatto di una comunità che investe nella green economy e dunque che accoglie positivamente i cambiamenti imposti da un modello di sviluppo incentrato sulla sostenibilità ambientale. Tutto ciò si coniuga perfettamente con la valorizzazione della risorsa mare e delle altre vocazioni naturali del nostro territorio su cui l’Amministrazione sta puntando non solo adottando, per quanto di propria competenza, le scelte più opportune ma anche sviluppando una virtuosa interlocuzione con i diversi livelli istituzionali, dalla Regione al governo nazionale.

L’obiettivo è creare occupazione ma anche, appunto, migliorare sensibilmente la qualità della vita nella nostra città. Sia però chiaro che i risultati che otterremo dipenderanno non solo dalle risorse finanziarie che riusciremo ad investire ma anche dal comportamento dei singoli cittadini e dal coinvolgimento di tutte quelle realtà associative da sempre impegnate sul fronte della sostenibilità ambientale.

Quella di Legambiente è perciò una proposta da accogliere e rilanciare.

 

Piero Bitetti

Consigliere comunale e provinciale

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento