Morgante: “Arcelor Mittal, un errore che Taranto non può più pagare”

Condividi

In tempi non sospetti, ho sempre pubblicamente manifestato forti perplessità sulla scelta di Arcelor Mittal per la nuova proprietà dell’ex Ilva, e purtroppo i dubbi e le preoccupazioni sono state confermate da una realtà che si è rivelata addirittura peggiore rispetto agli impegni concordati, tutti al ribasso rispetto al futuro dello stabilimento, dei lavoratori e della comunità tarantina.
Le bonifiche ambientali sono rimaste solo sulla carta, carta straccia. I volumi di produzione si sono sempre più ridotti per decisioni unilaterali, con una grave perdita di competitività internazionale. Gli esuberi si sono moltiplicati, e l’indotto è stato letteralmente abbandonato, con ripercussioni drammatiche per l’economia del territorio.
Per questo, alla luce di una gestione fallimentare e disastrosa, che non lascia alcun margine concreto di speranza né nell’immediato né nel futuro, per salvare lo stabilimento non sembra percorribile una strada diversa dal disimpegno definitivo di Arcelor Mittal, e dalla piena assunzione da parte del governo nazionale di ogni decisione e scelta, in marcata discontinuità e rottura con quanto avvenuto finora

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento