Regionali: due candidati del PSI ionico a sostegno di Emiliano

Condividi

Saranno un uomo e una donna.Il partito farà parte di una lista comprendente quattro simboli

Si sono riuniti a Taranto gli organismi provinciali del Partito socialista, con all’ordine del giorno le elezioni regionali. In apertura dei lavori il Segretario provinciale Salvatore Mattia  ha illustrato i contenuti dell’ incontro tenutosi con la segreteria regionale lo scorso 5 giugno, alla presenza di tutti i segretari territoriali della Puglia e presieduto dal Segretario regionale Claudio  Cesaroni.  Nell’occasione è stata presentata l’aggregazione che vedrà la presenza dei seguenti partiti con i loro relativi simboli: PSI,VERDI,SI,LISTA CIVICA DI GUGLIELMO MINERVINI.  Mattia ha annunciato che la federazione di Taranto avrà due candidati, un uomo e una donna, in quanto da sempre sostenitore delle pari opportunità di genere in politica.

E il Psi ionico proporrà due propri esponenti di punta, forti e preparati, che saranno presentati in una prossima conferenza stampa. Salvatore Mattia ha infine portato il saluto del segretario nazionale Enzo Maraio che è sempre vicino ai socialisti tarantini e che è impegnato in prima persona a seguire gli eventi politici di terra ionica, preannunciando la sua  presenza in città al più  presto.

Sono seguiti gli interventi del segretario cittadino e vicesindaco di Taranto Paolo Castronovi, del presidente dell’ assemblea provinciale Gianfranco Pedullà, del vicesegretario Tommaso Danza, della coordinatrice delle donne socialiste Maria Pia Destefano, dei membri dell’ esecutivo Pino Albenzio, Emanuele Fago, Aldo Gentile e dell’ex assessore provinciale Giuseppe Bennardi.

Dopo il dibattito, i lavori sono terminati con l’impegno di tutti di sostenere il Presidente Michele Emiliano e i nostri candidati, per portare una voce forte in seno al Consiglio regionale della Puglia, nell’interesse del territorio ionico, meritevole di maggiore attenzione.

 

Salvatore Mattia Segretario provinciale Partito socialista italiano

 

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento