“Tanto tuonò che piovve”: mini rimpasto in Giunta Melucci, con rafforzamento del Pd attraverso nomine importanti nelle municipalizzate

Condividi

La mie speranze, che nel varare la nuova Giunta il Sindaco Rinaldo Melucci avesse finalmente compreso i suoi errori di valutazione e volesse quindi porvi rimedio, secondo le ultime voci di corridoio, si sono rivelate illusorie.
Rimarrebbero ben saldi i rapporti fiduciari con i suoi tre uomini di punta: Salvatore Brisci (Centristi per Taranto), Piero Bitetti e Cisberto Zaccheo (PSI).
Infatti, Salvatore Brisci, unico rappresentante della sua lista in Consiglio comunale conserverebbe sia il suo assessore di riferimento Gabriella Ficocelli con delega Welfare e Salute che l’avv Daniele D’Ambrosio, il quale dopo aver provocato lo scioglimento del Cda dell’AMIU con le sue dimissioni, dovrebbe rientrare a farne parte insieme all’avv Adamo (quota PD) e l’avv. Giampiero Mancarelli  che lascerebbe l’incarico di segretario provinciale del PD per ricoprire il ruolo di Presidente dell’AMIU. Si profilerebbero novità anche per INFRATARAS, dove sarebbero imminenti le dimissioni del presidente Solinas ed il cambio giuridico da Amministratore Unico a Consiglio d’Amministrazione della Società. In questo caso troverebbe posto un rappresentante del gruppo consiliare “Indipendenti per Taranto“, ben magro premio di consolazione per un gruppo che conta ben quattro consiglieri di maggioranza.
Per quanto riguarda la Giunta, si registrerebbero l’uscita di scena dell’architetto Ressa attuale assessore all’Urbanistica e di Deborah Cinquepalmi, attuale assessore alla Pubblica Istruzione.
Per il PSI, che conta in maggioranza un solo consigliere Cisberto Zaccheo, il suo rappresentante in Giunta Paolo Castronovi, conserverebbe la carica di Vicesindaco, la delega alle Società Partecipate, organizzazione del personale dell’Ente e Risorse Finanziarie.
Infine il gruppo Bitetti, che ha già indicato il presidente dell’ AMAT  avv. Giorgia Gira, avanzerebbe richieste per ottenere un secondo rappresentante in Giunta, oltre all’assessore Gianni Cataldino.
Incomprensibilmente il gruppo “Puglia Popolare” con i suoi due consiglieri Massimiliano Stellato e Gina Lupo, continuerebbe a rimanere a bocca asciutta.
Purtroppo, se queste previsioni dovessero rivelarsi esatte, dovrei constatare che nulla è cambiato, infatti i consiglieri Bitetti, Brisci e Zaccheo che politicamente ritengo da sempre inadatti ad amministrare la nostra città, conserverebbero ben salda la loro influenza.
Stando quindi alle voci di corridoio si registrerebbero pochi cambiamenti che vedrebbero solo un rafforzamento del gruppo PD, con l’unico fine di assicurare la ricandidatura a Sindaco di Taranto di Rinaldo Melucci.
Davide De Fazio
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento