Consultori, Perrini: “Giusto riaprire le discoteche ma ci sono anche altri bisogni”

Condividi

Riaprono le discoteche, i ristoranti, i bar, i luoghi della movida e io sono contento. E’ giusto che i giovani dopo mesi di lockdown possano godersi qualche ora di divertimento… ma è proprio comprendendo queste esigenze, che proprio non capisco perché i Consultori debbano restare chiusi per esigenze che obiettivamente rispondono a bisogni per più importanti visto che i centri garantiscono servizi di natura sociale, psicologica e sanitaria per la famiglia, per la maternità e paternità responsabili e per l’infanzia.

Ho presentato un’interrogazione urgente proprio perché ad oggi, la stragrande maggioranza dei poliambulatori e dei consultori familiari sono ancora chiusi, in attesa che vengano emanate linee guida chiare e previste risorse per implementare i protocolli di sicurezza. Ormai da mesi sono state annullate migliaia di visite. Questa situazione ha provocato e continua a provocare non pochi disagi, specie dopo mesi difficili. Inoltre, la chiusura dei consultori familiari determina, altresì, un affollamento nei Pronto Soccorso e Ospedali, che vengono letteralmente presi d’assalto.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento