Bando “Start Up”, l’amministrazione Melucci investe nelle imprese innovative

Condividi

L’amministrazione Melucci innesca la ripartenza dell’economia locale con un bando dedicato alle start up innovative di nuova o recente costituzione nella città di Taranto.
Con risorse pari a 100mila euro, già individuate con la delibera quadro 108/2020 dedicata al pacchetto di misure utili ad agevolare la ripresa socio-economica del territorio, è stato predisposto un bando che su espressa indicazione del sindaco Rinaldo Melucci si rivolge a realtà imprenditoriali che hanno investito, o lo faranno, in attività ad alto valore tecnologico nei settori del turismo e del marketing territoriale, “AI” ed energia, biotecnologia, salute, agricoltura, cleantech, telecomunicazioni, lavoro e servizi alle imprese.
«Sosterremo le idee innovative che troveranno aderenza nel nostro percorso di transizione – ha spiegato il primo cittadino –, “Ecosistema Taranto” ha una spiccata connotazione “smart” e auspichiamo che lo siano anche le nuove iniziative imprenditoriali. Con il bando “Start Up” diamo una mano a questo processo, in un momento di crisi che vogliamo esprima in questo modo il suo potenziale di rinascita».
Il bando, presto consultabile sul sito istituzionale dell’ente www.comune.taranto.it, opererà finanziando a fondo perduto fino al 50% dei costi sostenuti dalle imprese (per investimento e di esercizio) e comunque una somma non superiore ai 10mila euro. Vi potranno accedere start up già costituite (ma da meno di 6 mesi) o da costituire, queste ultime con l’impegno di iscriversi in Camera di Commercio entro 45 giorni dall’ammissione. «Abbiamo definito una griglia di valutazione dei progetti che tiene conto di diversi parametri – ha spiegato l’assessore allo Sviluppo Economico Fabrizio Manzulli –, privilegiando quelli che si uniformano ai principi di “Ecosistema Taranto”. Il tema della transizione è rintracciabile anche in un cambio di rapporto del tessuto produttivo con la città, per questo, solo per citarne alcuni esempi, abbiamo introdotto un requisito premiante rispetto alla tenuta delle aree esterne all’attività, o all’assunzione di un under 25 residente a Taranto».
 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento